SICUREZZA e BUSINESS sono le due parole chiave che descrivono nel modo più accurato il prodotto che andiamo a recensire oggi. Sto parlando di un portatile di casa HP appartenente senza dubbio alla fascia alta del mercato e dedicato in maniera piuttosto specifica a chi fa un uso intensivo del computer e in ambito lavorativo. Lo indica sia il suo costo, superiore ai 1500€, ma anche le sue particolari funzionalità, che tengono in considerazione l’aspetto della sicurezza.

Inoltre, una dotazione tecnica di alto livello e una scocca particolarmente leggera e premium lo rendono un buon prodotto, anche se non è esente da piccoli difetti che andremo ad approfondire in questa recensione completa.

 

Design

Senza dubbio un portatile con queste caratteristiche e con la capacità di calcolo di cui dispone sorprende sotto il profilo della costruzione e del lato estetico. Ci troviamo di fronte ad un prodotto che risulta al tempo stesso funzionale, bello da vedere e resistente nell’utilizzo. La scocca di colore blu presenta una rifinitura opaca alla vista e al tatto, che rende il dispositivo quasi immune dalle impronte lasciate dalle mani e anche molto resistente ai graffi. Il merito è della scocca in magnesio, con resistenza di grado militare, che lo rende resistente e leggero al tempo stesso. Con un peso di appena 1kg, portarlo con se nella borsa non sarà troppo difficile o gravoso, anche se ci spostiamo di frequente. Le dimensioni relative al modello con display da 13.3″ sono di 30,43 x 19,75 x 1,61 cm. Le cornici dello schermo sono ridotte al minimo indispensabile, per un rapporto corpo-display molto buono e lo spessore di poco più di 1,5cm lo rende anche molto sottile.

Sotto il profilo della connettività HP ha inserito tutto ciò che può essere necessario: 2 x Thunderbolt (USB Type-C con Power delivery 3.0), Audio Combo Jack, HDMI 1.4, USB 3.1 Gen. 1 e un vano opzionale per WWAN NANO SIM. Che si voglia collegare il pc ad un monitor esterno, che si voglia collegare il proprio telefono o ricaricare un altro dispositivo sarete coperti senza la necessità di portarsi dietro altri adattatori o connettori aggiuntivi.

Lo chassis è in grado di ruotare e aprirsi completamente, trasformando il dispositivo da laptop a 2 in 1 a tablet in pochi secondi e con un semplice movimento. Comodo a seconda della situazione e ambivalente sia in mobilità che durante il lavoro.

 

Display touch e supporto alla penna

Qui ci si divide: c’è chi apprezza molto la soluzione orientata alla privacy realizzata da HP, con la tecnologia proprietaria HP Sure View Gen3 e chi invece la trova fastidiosa. Il monitor dell’unità in nostro possesso ha proprio questo tipo di tecnologia, con risoluzione Full HD, ma vi ricordo che è possibile scegliere anche tra altre opzioni, come il pannello Full HD senza filtro privacy, e un pannello 4K più orientato alla grafica. Le sue dimensioni sono compatte, con un display da 13,3″, ottimo per la mobilità, ma un po’ stretto se utilizzato anche a casa.

L’esperienza con questa tipologia di pannello non è stata il massimo: certo, sotto il profilo della privacy potrete lavorare tranquillamente senza far vedere chiaramente a chi vi sta intorno costa state facendo, ma funziona così bene che disturberà anche la vostra visione. Basterà un semplice movimento della testa per dimezzare la luminosità di alcune aree periferiche del monitor (con luminosità da 400nits secondo le specifiche). Anche l’accuratezza dei colori, nonostante ci sia stata garantita una copertura del 99% SRGB e 82% Adobe RGB, ci ha restituito un DeltaE superiore a 12 (!), anche a seguito della calibrazione. Non proprio il massimo nel campo della grafica o dell’editing video. Ma appunto, come dicevamo, non preoccupatevi, vi basterà scegliere il display che più preferite in fase di acquisto per adattare il portatile alle vostre esigenze.

C’è da aggiungere che il monitor supporta un refresh rate fino a 60Hz e anche il touch screen. Possiamo usare le nostre dita per navigare nei menù, su internet e sui nostri programmi preferiti e, sorpresa delle soprese, è supportata anche la penna di HP. Si tratta a tutti gli effetti di una penna per il disegno digitale, con batteria ricaricabile, e molto comoda in mano, sia per peso che per dimensioni. Rispetto alla penna del Galaxy Book Flex, che può essere inserita all’interno del frame, la penna HP è molto più grande e permette un utilizzo più naturale. Tuttavia, sarà un accessorio in più a cui trovare posto dentro lo zaino, dato che non è presente una clip o un aggancio per attaccarla al lato dello chassis. Dove c’è qualche piccola mancanza è sotto il lato software: non troviamo programmi per sfruttare la penna out of the box, né programmi per divertirci con qualche schizzo o disegno improvvisato.

 

Prestazioni

Il modello in test è equipaggiato con un Intel Core i7 8565U, ben 16GB di SDRAM e infine un SSD da 512GB accoppiato ad una memoria Intel Octane da 32GB. Si tratta di un’accoppiata molto potente, che ci ha permesso di utilizzare qualsiasi tipo di software relativo alla grafica, e anche di fare editing video leggero, con il montaggio di prodotti semplice e gestibili anche da un portatile. La memoria SSD, ottima con le velocità di trasferimento, accoppiata alla tecnologia Intel Octane, vi permette di usufruire di un boost nelle prestazioni in genere: una volta che il pc avrà capito le nostre abitudini nel corso dei primi giorni di utilizzo, riuscirà a gestire meglio le aperture dei programmi, deviando risorse e cache laddove sono più richiesti.

Se sotto il profilo della potenza bruta le prestazioni non sono state affatto male, il design contribuisce, e non poco, a limitare la potenza dell’Elite Dragonfly. Lo chassis sottile e compatto rendono le temperature del processore un vero e proprio inferno, con le ventole che girano al massimo e temperature che sfiorano i 97° sotto stress. Nulla di grave, se non fosse che queste temperature contribuiscono a limitare la velocità di clock del processore, che per non superare i 100° limita le proprie prestazioni. Certo, questo fenomeno avviene in tantissimi modelli di portatili, ma in ogni caso è nostro dovere segnalarlo anche in questo caso.

Una versione di Windows 10 Pro muove questo portatile, fornendo tutte quelle funzionalità basiche tipiche di Windows per gli utenti medi, e anche quelle destinate agli utenti più avanzati.

 

Tastiera, Touchpad, webcam e altoparlanti

La tastiera integrata all’interno dello chassis presenta un colore insolito: lo stesso blu del magnesio. In molti casi avere una tastiera di questo tipo potrebbe confondere chi la usa, senza una chiara distinzione dei tasti, ma così non è stato. Anzi, i tasti ben spaziati e dalle dimensioni generose hanno fornito un feedback tattile ottimo, facendoci perdere raramente qualche lettera o qualche parola. Presente la retroilluminazione e anche la protezione da liquidi e infiltrazioni di sporco. Infine, troviamo sul lato destro della tastiera anche un piccolo tasto per la rilevazione dell’impronta digitale, che rende lo sblocco e l’utilizzo del dispositivo ancora più immediato e sicuro.

Sotto il lato touchpad Hp ha implementato un pad di grandi dimensioni, pulito al tocco e al tatto e molto responsivo. Supporta le gesture, il singolo click e il doppio click, e soprattutto anche lui ha lo stesso colore della scocca.

Ottimi i 4 altoparlanti stereo, targati Bang & Olufsen, per il volume prodotto, ma a tratti risultano leggermente ovattati, restituendo un suono poco tridimensionale. Per la webcam, che si trova sul lato frontale, sopra lo schermo, c’è una lente in grado di riprendere in HD 720p e con filtro manuale per oscurare la lente. Buona la qualità e l’ottimizzazione per eventuali conferenze al volo o chiamate di lavoro, ma non aspettatevi la qualità tipica del Full HD senza rumore digitale o artefatti.

 

Batteria

L’alimentatore adibito alla carica del portatile è ingombrante, con un cavo di ottima fattura e una ricarica rapida garantita da 65W. Inoltre, la batteria a due celle da 38Wh riuscirà a portarvi a fine giornata con un utilizzo medio o leggero; se invece utilizzerete il pc per programmi più complessi o in associazione a download di grandi dimensioni o connessione a internet la durata potrebbe ridursi drasticamente.

 

Prezzo e conclusioni

Con un prezzo di listino che si aggirava intorno ai 2000€, attualmente con qualche mese sulle spalle, Hp Elite Dragonfly si può trovare in offerta a partire da 1399€ direttamente sul sito di HP. Da lì potrete configurarlo a seconda della necessità. Si tratta in fin dei conti di un ottimo prodotto, completo, e vi basterà evitare il display con HP Sure View in fase di acquisto per ottenere un prodotto estremamente valido anche sotto l’aspetto del display.

Se il vostro mondo è quello lavorativo, per destreggiarvi tra conferenze, riunioni e mobilità, allora questo HP vi garantirà una sicurezza, una robustezza e una potenza in grado di affrontare tutto questo senza avere pensieri o senza preoccuparvi di eventuali cavi o adattatori. In più la penna, nonostante non possa essere attaccata comodamente al frame, risulta un ottimo plus all’interno della categoria, che permetterà ai pro e agli utenti normali di lavorare o divertirsi, trasformando il dispositivo a seconda dell’occorrenza.

HP Elite Dragonfly

1399€
8.2

Design

9.5/10

Display

6.5/10

Prestazioni

8.5/10

Sicurezza

9.5/10

Prezzo

7.0/10

Pro

  • Ottima sicurezza su tutti i fronti
  • Design leggero e resistente
  • Prestazioni ottime con Intel Core i7
  • Tastiera e pad di ottima qualità
  • Usabile come portatile, 2 in 1 e tablet

Contro

  • Prezzo di fascia alta
  • Display con Sure View non ottimizzato per i colori
  • Audio leggermente ovattato