Call Center

A chi mette a segno truffe per mestiere non interessa quanti soldi abbia il povero malcapitato. Ci sono raggiri così spregiudicati e senza pietà da far rabbrividire. E a metterli a segno sono vere e proprie aziende call center che vendono prodotti specifici. Realtà imprenditoriali reali che si servono di questi stratagemmi per truffare gli utenti e portare utili all’impresa sulla pelle degli altri. È questo il caso delle tessere sconto, una delle ultime truffe che si stanno diffondendo. Iniziano con una chiamata dal Call Center e terminano con una firma che vi ruba migliaia di euro.

Si tratta di un raggiro molto pericoloso che non solo può prosciugare il conto della vittima, ma crea anche problemi che potrebbero finire nel legale. Ecco tutti i dettagli di questo ultimo ritrovato dai Call Center.

 

Non si finisce mai di imparare dai Call Center

Pare proprio che non si finisca mai di imparare dalle tecniche utilizzate dai Call Center ai danni degli utenti. Quest’ultima che si sta diffondendo recentemente poi ha dell’incredibile. Ecco come si sviluppa il dolo.

Dapprima l’utente viene raggiunto da una telefonata durante la quale un operatore Call Center lo invita a partecipare a un sondaggio. Completamente gratuito, richiede solo alcuni minuti di tempo da dedicare per rispondere a delle domande in merito a una o più catene commerciali conosciute.

Terminate le domande, alla preda del Call Center viene comunicato che, secondo i tempi del corriere, riceverà una tessera sconto da utilizzare in uno di quei negozi. Effettivamente ora avviene la truffa. Il corriere, ovviamente fasullo, consegnerà il pacco a quella che a breve diventerà la vittima. Infatti pensando di firmare una semplice bolla, si troverà inconsapevolmente ad accettare un ordine per oggetti dal valore di migliaia di euro.

Ovviamente il tutto avviene come promesso dal Call Center, ma passati i 14 giorni, utili per retrocedere ad un contratto, il cliente riceverà la merce ignaro di tutto e l’azienda inizierà a reclamare il denaro che secondo lei le spetta. E questa non è l’unica truffa pericolosa in auge di questi tempi. Meglio dare un’occhiata anche al raggiro della finta Banca Sella.

VIAVia