Fisco

Il grande incubo del Fisco torna ad essere realtà per milioni di italiani. Nel corso dei prossimi mesi, tanti cittadini potrebbero ricevere nelle loro abitazioni alcune cartelle esattoriali da pagare. A seguito del blocco dei pagamenti arretrati verso l’Agenzia delle Entrate a causa del Covid, il Fisco nel mese di Maggio dovrebbe tornare a pieno regime.

 

Fisco e la stangata pronta per gli italiani

La data a cui bisogna fare attenzione è quella del 30 Aprile. Proprio a fine mese, infatti, scadono i termini per la proroga dei pagamenti verso il Fisco. In assenza di ulteriore rinvio da decidere nei prossimi giorni, dal 1 Maggio l’Agenzia delle Entrate potrebbe già far partire l’invio delle cartelle esattoriali.

Il blocco dei pagamenti verso il Fisco si è via via prorogato nel corso di quest’ultimo anno, proprio a causa della pandemia. Prima il Governo Conte, poi il Governo Draghi hanno varato una sospensione dei tributi arretrati proprio per la grave situazione economica che ha colpito cittadini, Partite IVA e professionisti.

I dati dell’Agenzia delle Entrate sono da vero incubo. Il Fisco dichiara infatti di avere circa 50 milioni di cartelle esattoriali pronte a partire. La platea dei cittadini interessati arriva sino a 9 milioni.

L’Agenzia delle Entrate per l’invio delle cartelle esattoriali nelle case degli italiani si avvarrà del supporto strategico e logistico di Poste Italiane. Anche per le norme sanitarie in corso è previsto un invio dilazionato delle tasse arretrate. Laddove non ci dovesse essere un ulteriore proroga per la scadenza del 30 Aprile, le cartelle esattoriali saranno inviate mese per mese sino al prossimo Dicembre.