Covid-19

Su ciò che ha contribuito alla nascita del Coronavirus se parla dall’anno scorso quando i primi casi in Cina cominciavano a diventare noti anche nel resto del mondo. Tutto è partito dall’idea che il contagio fosse passato da un animale all’uomo. Poi c’è stato chi ci ha visto un complotto mondiale denunciando la creazione del virus in laboratorio. Altri hanno immaginato una guerra tra super potenze in cui l’America avrebbe cercato di distruggere il mercato Asiatico. Addirittura alcuni hanno pensano che lo sviluppo della rete 5G avrebbe contribuito alla diffusione del Covid-19.

È davvero possibile che un virus di tale portata possa essere stato provocato e diffuso dalla rete di nuova generazione? L’unico modo per rispondere a questa domanda è utilizzando fonti ufficiali medico-scientifiche ad oggi disponibili. Cerchiamo di capire quindi se la tecnologia di quinta generazione può avere un certo coinvolgimento con il Covid-19. Ecco tutta la verità.

 

Il 5G avrebbe diffuso il Covid-19

Una delle ipotesi mosse per fermare lo sviluppo e l’installazione di nuove celle 5G è anche quella che vedrebbe questa tecnologia colpevole di aver diffuso il Covid-19. Tra le teorie portate avanti da questa idea complottista ci sarebbe quella che cavalca il confronto dei contagi in Italia tra Nord e Sud. In pratica secondo alcuni l’Italia settentrionale avrebbe accusato maggiori morti e una più importante diffusione del Covid-19 a causa dei numerosi “ripetitori” tra cui anche e soprattutto quelli per il 5G.

Si tratta dell’ennesima fake? Esattamente. Lo ha confermato l’Organizzazione Mondiale della Sanità in un suo comunicato ufficiale che qui sotto riportiamo per esteso:

Le reti mobili 5G non ​​diffondono il Covid-19. I virus non possono viaggiare attraverso onde radio o reti mobili. Il Covid-19 si sta diffondendo in molti paesi che non dispongono di reti mobili 5G. Il Covid-19 si diffonde attraverso le goccioline respiratorie quando una persona infetta tossisce, starnutisce o parla. Le persone possono essere infettate anche toccando una superficie contaminata e poi i loro occhi, la bocca o il naso“.

Quindi una volta per tutte diciamo “basta” alle fake news Coronavirus, vaccini e 5G.