Il co-fondatore di Neuralink, Max Hodak, ritiene che dopo anni e anni di progressi tecnologici, finalmente abbiamo tutti gli strumenti necessari per rendere reale quel che tutti conosciamo come Jurassic Park.

“Probabilmente potremmo costruire Jurassic Park se lo volessimo. Ovviamente, non sarebbe popolato da dinosauri geneticamente autentici ma vivremmo un’esperienza simile alla realtà. 15 anni di allevamento combinati alle ultime scoperte per ottenere nuove specie”. Non è chiaro a chi si riferisca Hodak quando parla di “noi”. Neuralink ha già ideato un chip da impiantare nel cervello di un maiale e una scimmia, ma non sembra aver fatto alcun annuncio fino ad ora in merito alla clonazione animale. Se Hodak si riferisce a scienziati e ricercatori, la prospettiva diventa più fattibile, anche se relativamente.

Gli scienziati hanno clonato lupi, cani, gatti, scimmie e, notoriamente, pecore. Anche un furetto che si trova nell’elenco delle specie a rischio di estinzione degli Stati Uniti, ma non sono ancora riusciti a ri-creare un animale già estinto. “La biodiversità è decisamente preziosa; la conservazione è importante e ha senso. Ma perché ci fermiamo? Perché non proviamo a generare nuova diversità? ” afferma Hodak.

Dar vita a Jurassic Park: utopia o realtà? Per il co-fondatore di Neuralink abbiamo tutti i mezzi per farlo

“Abbiamo zanzare e mosche pungenti dell’epoca dei dinosauri e si conservano nell’ambra. Ma l’ambra tende a non preservare i tessuti molli. Quindi non si conserva il sangue all’interno delle zanzare, per esempio”, precisa la dottoressa Susie Maidment, una ricercatrice presso il Museo di storia naturale. È possibile che un piccolo insetto, come una zanzara o una mosca, possa essere utilizzato per estrarne il DNA. Tuttavia, anche nell’improbabile caso in cui si trovino sangue o tessuti molli ciò non implica che sia possibile una clonazione ben riuscita.

Nel film Jurassic Park viene usato il DNA di una rana per clonare un rettile, ma per gli scienziati nella vita reale non è così semplice. “Un genoma è l’insieme completo del DNA di un essere vivente. Senza il genoma completo, sarebbe impossibile dire quali parti del DNA sono state trovate e quindi sarebbe impossibile colmare le lacune per costruire un intero animale. Se avessimo intenzione di farlo, useremmo il ​​DNA degli uccelli, oppure il DNA del coccodrillo, poiché condividono un antenato comune”.

“Se questa procedura funzionasse, riguarderebbe solo poche specie. Inoltre, è molto costosa. Sfrutterebbe i fondi per la conservazione di specie a rischio attualmente per rigenerare specie già estinte e che tornerebbero ad estinguersi rapidamente” evidenzia David Ehrenfeld, professore di biologia alla Rutgers University di New Brunswick, New Jersey.

Avatar
Procrastinatrice cronica e allo stesso tempo perfezionista. Innamorata perdutamente delle scienze umanistiche. Nel 2017 ho iniziato a lavorare per Tecnoandroid, riscoprendo e consolidando anche la passione per la tecnologia.