IPTV: i modi in cui gli utenti richiedono Sky e DAZN per soli 10 euro

L’IPTV è tornato di nuovo in auge proprio in queste ore. L’assegnazione dei diritti tv della Serie A a DAZN pone gli appassionati di calcio in una scomoda posizione. L’anno venturo, stante le cose, potrebbe essere necessario avere ben tre abbonamenti a pay tv per seguire la proprio squadra del cuore. Ad oggi, Sky ed Amazon trasmetteranno la Champions League, mentre DAZN le partite di Serie A.

 

IPTV con Sky e DAZN quasi gratis: i rischi per gli utenti

L’IPTV è una tecnologia molto popolare nel nostro paese. Nel corso di questi mesi, i “pezzotti” sono stati affiancati inoltre dai canali VPN. Sfruttando proprio i canali VPN, tante persone riescono ad accedere sia a Sky che a DAZN senza un abbonamento regolare.

La condizione che spinge gli utenti verso l’IPTV è ovviamente la promessa del risparmio. Attenzione però a tutti quelli che potrebbero essere i risvolti negativi. In molti casi, infatti, lo streaming illegale si traduce in truffe per gli utenti. Non è raro pagare ad alcuni malintenzionati della rete un servizio che non sarà mai corrisposto.

Sempre all’IPTV sono legati rischi legati ad aspetti giuridici. In sede civile, gli utenti che si affidano allo streaming illegale possono incorrere in una multa sino a 30mila euro, mentre in sede penale c’è anche la possibilità della reclusione sino a tre anni.

Ultimo appunto sulle VPN. Deve essere sottolineato che di base, la VPN non è un servizio illegale, ma bensì uno strumento consigliassimo e facile da usare per qualsiasi utente per navigare protetti in rete, e che se usato con i più noti servizi di streaming (Netflix, Amazon Prime Video) da accesso a cataloghi più vasti. NordVPN, la migliore VPN attualmente in rete, offre un ottimo servizio ed è in offerta con un prezzo scontatissimo.