WhatsApp: il nuovo trucco spia è disponibile gratis, ecco come si usa

Non sempre le comunicazioni di WhatsApp corrispondono ad una verità certa. Spesso e volentieri proprio attraverso la chat di messaggistica ci si espone ad una serie di fake news con conseguenti truffe che possono avere ripercussioni inattese sulla propria privacy e sulla propria riservatezza.

Da tempo attraverso queste pagine stiamo mettendo gli utenti di WhatsApp in allerta rispetto ai finti messaggi che promuovono codici coupon legati alle grandi catene commerciali italiane.

 

WhatsApp, si rinnova il pericolo dei codici sconto per gli utenti

Molti malintenzionati della rete utilizzano ovviamente senza autorizzazione il nome di importanti brand attivi in Italia per promuovere comunicazioni fasulle. Attraverso WhatsApp non è difficile incontrare messaggi che parlano di coupon dal valore di 250 euro da riscattare nei punti vendita di Zara, H&M, MediaWorld, Euronics, Expert.

Gli utenti, leggendo la disponibilità di ricchi codici sconto, sono invogliati dai cybercriminali a cliccare su un form da compilare in ogni sua parte. Nel form vengono chieste ai lettori informazioni sensibili e personali come nome, cognome, luogo di nascita e di residenza, indirizzi mail.

L’obiettivo dei malintenzionati, attraverso questi form, è acquisire il maggior numero di dati che saranno poi rinvenuti ad altri enti o società per scopi pubblicitari. Ovviamente, una volta comunicate le proprie informazioni attraverso il form, gli utenti non ricevono alcun codice coupon in cambio.

E’ sempre bene fare attenzione a ciò che si legge su WhatsApp, specialmente se i messaggi provengono da account sconosciuti o da catene. In caso di forte sospetto, per nessuna ragione devono essere condivise informazioni sensibili.