BMW

Acquistare una automobile è di sicuro un traguardo importante nella nostra vita. In alcuni casi, però, l’entusiasmo del primo acquisto rischia di trasformarsi in un vero e proprio incubo. Negli ultimi anni, di fatto, molteplici marchi del settore sono stati costretti a richiamare centinaia di migliaia di veicoli a causa di alcuni problemi di fabbrica riscontrati nei test successivi. Di recente vi abbiamo spesso parlato delle pericolose problematiche che hanno colpito Ford, Renault, Toyota e Honda. Con l’inizio del 2021 finalmente la situazione pareva essersi risolta ma, nel corso delle ultime settimana, sono emersi nuovi problemi che, questa volta, interessano in primo piano BMW ed Audi. Scopriamo di seguito i problemi riscontrati.

Audi e BMW: tempi difficili per i due colossi del mondo automotive

Cominciamo con BMW. La casa automobilistica Bavarese ha rilasciato di recente un comunicato ufficiale attraverso il quale ha fatto sapere che, a causa di un difetto rilevato sui radiatori, diverse automobili saranno presto richiamate in fabbrica. Il difetto, dunque, sembrerebbe essere legato ad un ricircolo dei gas di scarico non corretto. Ad oggi non è ancora stabilito il numero totale di macchine richiamate ma, a quanto pare, dal 2018 sono state interessate dal problema oltre 1 milione di vetture.

Per quanto riguarda Audi, invece, il guasto pare essere molto più rischioso, si parla infatti di un difetto nella saldatura del pedale del freno, ma decisamente meno diffuso. L’azienda, di fatto, ha attualmente richiamato poco più di 300 veicoli poiché, a quanto, il guasto sembrerebbe presentarsi esclusivamente sui veicoli prodotti tra Luglio ed Agosto 2020.