Auto pericolose: nel mirino due aziende per via di alcuni difetti

La strada è un posto piuttosto pericoloso, soprattutto se in circolo vi sono veicoli difettosi. Questi, oltre alla distrazione, all’eccessiva velocità e alla mancanza della distanza di sicurezza, sono state tra le principali cause di incidenti del 2020. Purtroppo la storia si ripete anche nel 2021 con le aziende automobilistiche giapponesi Honda e Toyota. Il problema riguarda l’airbag e non solo. Ecco le auto pericolose e i difetti in ognuna di queste.

Auto pericolose: i modelli di Honda e Toyota che hanno riscontrato dei difetti

Iniziamo da Toyota. Questa è la maggiore società automobilistica del Giappone, con una produzione stimata in circa nove milioni di veicoli l’anno. La società è in cima alla vetta con circa il 40% delle nuove auto registrate nel 2004, eppure anche a questa capita di “inciampare” su problemi non da poco. Ci riferiamo ad un’interferenza elettrica nel sensore degli urti che porta l’esplosione dell’airbag. Insomma, un difetto da non sottovalutare, vista la pericolosità controproducente di quest’ultimo. Ebbene, in tal caso abbiamo un lieto fine visto che con l’installazione di un filtro anti-interferenza, il problema è stato risolto. Tra le auto pericolose troviamo:

  • Corolla: vendute dal 2011 al 2019
  • Matrix: vendute invece dal 2011 al 2013
  • Avalon: presenti sul mercato dal 2012 al 2018

Anche Honda ha avuto dei problemi con alcuni modelli. Il protagonista è comunque l’airbag ma la causa cambia: questo esplode all’improvviso per via di un problema nella pressione dello scompartimento in cui è contenuto. Pertanto tale difetto potrebbe causare eiezione di schegge molto pericolose per tutto l’abitacolo in caso di esplosione. Le auto pericolose che hanno questo problema sono:

  • Accord: vendute tra il 1998 e il 2000
  • Civic: sul mercato dal 1996 al 2000
  • CR-V: commercializzate dal 1997 al 2001
  • Odyssey: dal 1998 al 2001
  • EV Plus: presente sul mercato dal 1997 al 1998.