blank

Questo giovedì, 25 febbraio, Facebook e Instagram hanno bloccato l’esercito birmano dalle loro piattaforme. Come è noto, il divieto sarà a tempo indeterminato e, con esso, andranno tutte le pagine di entrambi i social legate alle forze armate del Paese asiatico.

Secondo i commenti dei rappresentanti della piattaforma, la situazione con il Tatmadaw – un altro nome per l’esercito birmano – presentava molti rischi. Per questo motivo, hanno scelto di stroncare il problema sul nascere e impedire il tuo accesso sia a Facebook che a Instagram.

Il divieto di Facebook e Instagram non è stato solo per i militari del Myanmar

Per adempiere alla loro missione, Facebook e Instagram hanno rimosso definitivamente gli account e le pagine ufficiali dell’esercito birmano. Tuttavia, non hanno lasciato i loro sforzi da soli qui. Il suo divieto, infatti, si estende anche alle entità affiliate all’esercito birmano.

Per questo motivo, qualsiasi mezzo di trasmissione controllato dai militari non è più il benvenuto su nessuna delle piattaforme. Qualcosa di simile accade con gli enti statali, dal momento che non saranno in grado di utilizzare nessuno dei social network.

Inoltre, le pubblicità associate all’esercito birmano verranno rimosse dalle piattaforme. Infine, i militari birmani avranno anche un accesso limitato ai social media, il tutto con l’intenzione di impedire loro di utilizzarli per diffondere disinformazione.

Rischi troppo grandi

Per spiegare la situazione in modo più chiaro, il direttore delle politiche di Facebook per i paesi emergenti in Asia e Pacifico, Rafael Frankel, ha condotto un post ufficiale sul blog dell’azienda. Al suo interno, Frankel commenta che la situazione in Myanmar dal colpo di stato del 1 ° febbraio ha “accelerato la necessità di questo divieto”.

Tutto questo perché, dopo aver condotto una valutazione collettiva della nuova situazione dell’esercito birmano e della sua presenza sui social, si è concluso che “ i rischi di permettere Tatmadaw su Facebook e Instagram sono troppo grandi. “

Per giustificare la sua decisione, Frankel ha citato il record di violazione dei diritti umani del Tatmadaw. Allo stesso modo, commentano che consentire loro di rimanere attivi sulle piattaforme comporta il rischio che i militari li utilizzino per promuovere atti di violenza in futuro.

Allo stesso modo, Frankel ha commentato che il Myanmar aveva violato le politiche normative e di sicurezza di Facebook molto tempo prima. Si è quindi pensato che, ora che si trova in una situazione ancora più instabile, la Birmania potrebbe aumentare l’incidenza di queste violazioni se non fossero prese misure rapide e forti.

Non è la prima volta che Facebook agisce contro il Myanmar

Sebbene la notizia sia stata sorprendente, non è la prima volta che Facebook o Instagram si trovano a un bivio con l’esercito birmano o altri gruppi armati nella nazione. Infatti, nel 2018 la piattaforma ha bandito almeno 20 persone e organizzazioni “per il loro ruolo in gravi violazioni dei diritti umani”.

Nello stesso anno, Facebook ha anche rimosso circa sei reti coordinate dai militari che sostenevano comportamenti illeciti. Questa tendenza è continuata nel 2019, quando Facebook ha dovuto rimuovere più gruppi armati dalla Birmania dalla sua piattaforma.

Da parte sua, dopo il colpo di stato, l’esercito birmano non ha perso tempo e ha bloccato temporaneamente Facebook e Instagram, Messenger e WhatsApp. In questo momento, hanno fatto un ulteriore passo avanti e hanno limitato direttamente l’accesso a Internet nel loro territorio.