blank

Le nuove funzionalità per la privacy in iOS 14 ha causato molto scalpore nel settore pubblicitario lo scorso autunno quando sono stati annunciati da Apple. Apple non impedirà agli inserzionisti di tracciare gli utenti attraverso il Web e le app di terze parti, ma richiede agli sviluppatori di indicare tutti i dati personali che un’applicazione può raccogliere e le finalità di tali dati.

Tutte le novità sulla questione

iOS 14 costringerà inoltre gli sviluppatori a chiedere il permesso di tracciare gli utenti tramite app e servizi. A differenza di Facebook, Google non ha fatto molto rumore con le funzionalità di privacy di Apple, ma la società del motore di ricerca ha ritardato l’aggiornamento delle sue app iOS per più di un mese. Questi aggiornamenti stanno finalmente arrivando e le principali app per iPhone come YouTube e Gmail hanno appena ricevuto le loro etichette sulla privacy.

Non c’è da meravigliarsi se c’è una grande quantità di informazioni che Google raccoglie dagli utenti di iPhone. Le etichette sulla privacy di Google indicano che le sue applicazioni raccolgono molti dati dagli utenti come posizione, cronologia degli acquisti, indirizzo email, cronologia delle ricerche, ecc. Queste informazioni vengono raccolte per molteplici scopi come pubblicità di terze parti, analisi dei dati, personalizzazione del prodotto e funzionalità dell’applicazione.

Queste categorie contengono anche una sezione “altri dati” che suggerisce che le applicazioni potrebbero raccogliere anche più informazioni di quelle che sono disposte a divulgare.

Etichette per la privacy dell’app Gmail Gmail e YouTube non raccolgono le stesse informazioni per scopi pubblicitari. YouTube raccoglie molte informazioni aggiuntive rispetto a Gmail. Tutti questi dati vengono utilizzati per aiutare Google a vendere annunci più mirati alle aziende che generano maggiori entrate. Tuttavia, Google afferma spesso di non condividere i dati degli utenti con gli inserzionisti ed è vero.

Google non fornisce informazioni personali a terze parti in base alle etichette, ma le utilizza in modo che le aziende possano indirizzare i propri annunci a categorie specifiche di utenti. iOS 14 non impedirà a nessuno sviluppatore di tracciare gli utenti fintanto che le app rispettano le linee guida sulla privacy. Le app devono elencare i dati che raccolgono e dovranno chiedere l’autorizzazione per monitorare gli utenti.

Queste etichette sulla privacy potrebbero aiutare gli utenti a prendere decisioni più informate sul tipo di informazioni che sono disposti a consentire alle app di raccogliere. Per vedere le etichette sulla privacy di qualsiasi applicazione, dovrai andare su App Store, cercare l’applicazione in questione e quindi cercare la sezione della privacy dell’applicazione. Google aggiornerà a breve tutte le sue app per iPhone con le etichette sulla privacy.