blank

Google Foto ha recentemente confermato che avrebbe aggiunto nuovi funzioni di modifica “premium” alla sua app, e quelle novità sono adesso disponibili: l’editor include ora la possibilità di impostare e modificare la luce verticale e la sfocatura (bokeh), impostazione che fino a qualche ora fa potevano essere utilizzate solo dai possessori di un Google Pixel. Queste novità sono disponibili solo per gli utenti di Foto con un abbonamento Google One attivo.

Una delle applicazioni Android più famose e ampiamente utilizzate sta per limitare notevolmente il suo utilizzo gratuito: con la fine dello spazio di archiviazione illimitato alla fine di maggio 2021, coloro che utilizzeranno Google Foto per salvare il proprio rullino mobile avranno solo 15 GB a disposizione. Tutto per potenziare i piani di Google One; mossa a cui vengono aggiunte le ultime funzionalità inserite nell’editor di foto. Vuoi ritratti migliori? Semplice, iscriviti ad un piano Google.

Luce verticale e HDR solo per gli abbonati a Google One

Fino ad ora, i proprietari di un Google Pixel godevano di un editor di foto che, oltre agli strumenti di ritaglio, miglioramento automatico e regolazioni manuali, includeva anche un paio di strumenti esclusivi per la modifica dei ritratti: illuminazione e sfocatura. Entrambi raggiungono un effetto professionale grazie all’intelligenza artificiale dell’azienda. Ed è un’ottima notizia che siano disponibili per (quasi) tutti.

Coloro che sono abbonati a un piano Google One, che offre soluzioni a partire da 1,99 euro per 100 GB, hanno già gli strumenti di editing Pixel nel loro Google Foto. Entrambi possono essere trovati nell’editor di immagini, all’interno delle opzioni “Regola”. Non è necessario aggiornare l’app Google Foto per far apparire le nuove funzionalità: Google li abilita da remoto purché l’account in uso abbia un abbonamento a Google One.