blank

Poiché la fornitura delle nuove schede grafiche della serie 30 di Nvidia fatica ancora a soddisfare la domanda, il produttore di GPU sta ora cercando di rilasciare più stock delle sue vecchie schede sul mercato. Un rapporto di PC World ha confermato che Nvidia rilascerà più stock di RTX 2060 e GTX 1050 Ti ai suoi partner di bordo per aiutare a coprire la domanda.

Maggiori dettagli sulla questione

Mentre le nuovissime GPU della serie 30 sono in prima linea per la carenza di schede grafiche, è difficile acquistare qualsiasi scheda grafica in questo momento, con i prezzi sulle schede più vecchie spesso gonfiati ben al di sopra dei loro prezzi di lancio.

La scelta di schede ripubblicate è strategica, con le schede più vecchie che non richiedono le parti che si dice stiano causando colli di bottiglia nella produzione di schede e console di nuova generazione. Come sottolinea il rapporto di PC World, la GTX 1050 Ti del 2016 manca anche della quantità necessaria di memoria video dedicata per estrarre la famosa criptovaluta Ethereum, il che significa che il nuovo titolo non verrà acquistato dai minatori di criptovaluta prima che i giocatori possano accedervi.

In una dichiarazione inviata a PC World, Nvidia ha dichiarato: “Le [GeForce RTX 2060 e GTX 1050 Ti] non sono mai state EOL [end-of-life]. Quindi” reviving “sembra la terminologia sbagliata da usare qui. Più di un riflusso e flusso davvero. Stiamo solo soddisfacendo la domanda del mercato che rimane estremamente alta come hai notato “.

La scheda più economica della nuova serie di Nvidia, la RTX 3060, uscirà a febbraio per 330 euro, anche se sarà probabilmente soggetta alla stessa inflazione di prezzo e problemi di fornitura delle altre schede della serie.