Google ci ha abituati a funzionalità con effetto sorpresa, soprattutto grazie ai suoi algoritmi e alla sua base dati per proporre soluzioni innovative basate sul machine learning.

L’ultima novità presentata in questo senso riguarda Google Fit. Il colosso ha intenzione di misurare la frequenza cardiaca ed il ritmo respiratorio appoggiandosi ad una fotocamera per smartphone. Scopriamo insieme i dettagli.

 

Google misurerà la vostra frequenza cardiaca e ritmo respiratorio con una fotocamera

La novità presentata da Google è una nuova funzionalità che sarà integrata in Fit: questa permetterà la misurazione della frequenza cardiaca e del ritmo respiratorio semplicemente inquadrando il viso e il torso degli utenti con la fotocamera dello smartphone. Vi starete chiedendo come è possibile tutto questo, la tecnica che permette la stima della frequenza cardiaca tramite videocamera è basata sulla stima dei cambiamenti di tonalità nella pelle del viso.

Tramite la registrazione del video, l’identificazione del viso e un po’ di elaborazione del segnale video, è possibile isolare la componente che identifica proprio il flusso sanguigno sotto la cute. Il ritmo respiratorio viene stimato in modo analogo, ma prendendo in considerazione i movimenti del petto, che si riflettono anche sul collo dell’utente.

La nuova funzionalità di Google Fit permetterà di salvare le misurazioni effettuate con la nuova metodologia contactless nella cronologia personale, come se lo smartphone fornisse le misurazioni che di solito forniscono i dispositivi indossabili. La novità dovrebbe arrivare entro le prossime settimane a livello globale per i possessori di Pixel. Più avanti arriverà anche per altri modelli di dispositivi Android.