IPTV: dopo aver usato Sky e DAZN illegali gli utenti sono stati sanzionati

L’inverno sarà ricco di grandi eventi sugli schermi di Sky. Gli abbonati della tv satellitare, in questi giorni, potranno gustarsi le partite della Serie A e della Premier League. Per quanto concerne gli altri sport, spazio all’NBA. Tutto ciò ovviamente in attesa dei grandi appuntamenti della primavera con Champions League, Formula 1 e motomondiale. Purtroppo, nonostante il trascorso burrascoso di molti utenti, in tanti continuano a guardare Sky attraverso la tecnologia IPTV.

 

IPTV, i grandi rischi per chi sceglie di affidarsi allo streaming di Sky

Allo stato attuale, in Italia sono due gli strumenti legati allo streaming IPTV di Sky: da una parte ci sono i “pezzotti”, dall’altra invece ci sono i canali VPN. Un numero molto elevato di persone sceglie proprio i canali VPN. Attraverso le diverse chat e gruppi su WhatsApp così come su Telegram, è possibile accedere ad alcuni link e siti che garantiscono la visione nascosta dei canali di Sky.

Le spese dell’IPTV sono molto contenute rispetto ai regolari abbonamenti di Sky. Tuttavia, gli utenti devono prestare molta attenzione, perché i risparmi non sono il solo fattore da considerare. Occhi aperti, ad esempio, ai rischi legati all’IPTV: già molti utenti sono stati truffati dopo aver pagato “quote di abbonamento” senza alcun servizio in cambio.

Non deve essere nemmeno sottovalutato il lato giuridico. In base al codice civile e penale italiano, chi sceglie lo streaming illegale IPTV può incorrere in una multa sino a 30mila euro così come nella galera da un minimo di sei mesi ad un massimo di tre anni.