contatori modificati

La pandemia di Covid-19 ha messo alle strette il nostro Paese, costringendo ogni mese centinaia di consumatori Italiani ad intraprendere azioni illegali per risparmiare qualche soldo. Tra le tante truffe messe in atto, una delle più comuni riscontrate dalla polizia è in assoluto la truffa dei contatori modificati. Attraverso oggetti apparatemene semplici (come magneti e punzonatori), migliaia di Italiani sono riusciti a rallentare i propri apparati casalinghi, riducendo cosi i costi legati alle utenze di Gas e Luce. Anche se questa pare essere una soluzione conveniente, è importante ricordare che, se colti in flagranza di reato, si rischiano ingenti sanzioni e fino a 3 anni di reclusione. E’ per questo motivo, dunque, che abbiamo deciso di mostrarvi una soluzione legale che vi permette di risparmiare fino a 200 euro sulle bollette elettriche e del gas. Scopriamo di seguito i dettagli.

Addio Contatori Modificati: con i nuovi bonus è possibile risparmiare legalmente

Recentemente il Governo Italiano ha introdotto una soluzione definitiva che permette di evitare la truffa dei contatori modificati. Si tratta del tanto atteso Bonus luce e gas, richiedibile in pochi passi attraverso il sito ufficiale di ARERA,  l’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente. Questo bonus consente quindi ai cittadini Italiani di ricevere uno sconto in bolletta fino a 200 euro. Ciononostante, però, non tutti possono richiederlo. Ecco quindi di seguito i requisiti da rispettare.

Bonus Gas

Per ottenere il nuovo Bonus Gas bisogna rispettare i seguenti requisiti:

  1. nucleo familiare con indicatore ISEE non superiore a 8.265 euro;
  2. famiglia con almeno 4 figli a carico e indicatore ISEE non superiore a 20.000 euro;
  3. nucleo familiare titolare del Reddito di cittadinanza o Pensione di cittadinanza;
  4. misuratore gas di classe non superiore a G6 (la classe del misuratore è collegata alla quantità di gas che può essere trasportata in un punto di fornitura e distingue le utenza domestiche da quelle di tipo industriale o commerciale. Questo parametro viene verificato dal distributore).

Bonus Luce

Per ottenere il nuovo Bonus Luce bisogna invece rispettare i requisiti che seguono:

  1. appartenenza ad un nucleo familiare con indicatore ISEE non superiore a 8.265 euro;
  2. appartenere ad un nucleo familiare con almeno 4 figli a carico (famiglia numerosa) e indicatore ISEE non superiore a 20.000 euro;
  3. nucleo familiare titolare di Reddito di cittadinanza o Pensione di cittadinanza

Le somme verranno quindi ripartite seguendo queste modalità:

  • Numerosità familiare 1-2 componenti: € 125
  • famiglie da 3-4 componenti: € 148
  • nuclei familiari con oltre 4 componenti: € 173