google-chrome-sicurezza-https-siti-web-hacker-dati-privacy

Un nuovo aggiornamento del codice Chromium ha rivelato che Google apporterá alcune sottili modifiche alla sicurezza del suo browser Chrome. Il codice suggerisce che Google Chrome tenterá presto di connettersi alla versione HTTPS di un sito web come impostazione predefinita.

Attualmente, se si esclude il protocollo di sicurezza durante la navigazione, Chrome proverà prima la versione non sicura o HTTP del sito. Quindi, quando i siti hanno una versione sicura, si verificherà un reindirizzamento che porta le persone alla versione HTTPS. Chrome registrerà quindi la versione HTTPS e salterà direttamente lì la prossima volta che l’utente naviga nello stesso dominio.

Google Chrome navigherá direttamente nei siti HTTPS

Tuttavia, ora sembra che Chrome cambierà le sue priorità, portando gli utenti alla versione HTTPS prima, ove possibile. Il nuovo codice Chromium indica che Chrome tenterà invece di connettersi prima alla versione HTTPS di qualsiasi URL. Laddove non esistono versioni protette, Chrome attenderà tre o dieci secondi prima di connettersi alla versione HTTP.

Il protocollo di sicurezza HTTPS originale è stato introdotto nel lontano 1995 ed è diventato lentamente ma inesorabilmente il metodo predefinito per proteggere i portali online. Quando le informazioni sensibili vengono inviate tramite una connessione HTTPS, non è possibile per nessun altro curiosare sul transito.

Anche se alcuni direbbero che questa semplice modifica ai protocolli di sicurezza di Chrome è attesa da tempo, gli utenti dovranno comunque aspettare un po’ prima che venga implementata. Il valore predefinito HTTPS è appena apparso nel codice Chromium, quindi probabilmente non apparirà in una versione stabile di Chrome almeno per alcuni mesi.