covid19

L’era del Covid19 sta mutando drasticamente il modo di fare business, soprattutto delle piccole e medie imprese che si sono trovate coinvolte nella morsa della pandemia senza nessun tipo di preavviso. Purtroppo la crisi che ha colpito molti imprenditori è tangibile e non ignorabile: non è un mistero, infatti, che molte attività abbiano chiuso a causa dei costi elevati e dei guadagni nulli.

Il 2020 si prospetta, pertanto, come un anno da dimenticare per moltissimi cittadini italiani sebbene con l’arrivo della sua fine, qualcosa sembra star mutando.

Crisi economica: persiste la difficoltà sebbene vi siano dei primi segnali di ripresa

Affermare che non vi siano difficoltà economiche è impossibile: queste ultime non scompariranno così facilmente e soprattutto così presto nonostante un primo segnale di speranza sembra essere riaffiorato in superficie grazie ai nuovi dati riportati dagli economisti.

Il Made in Italy, in questo prospetto, sta guadagnando punti: gli acquisti inerenti a prodotti realizzati nella penisola stanno acquisendo sempre più rilevanza grazie ai movimenti di supporto che sono nati nei confronti dei piccoli artigiani, i quali stanno subendo gravi perdite a cause del Covid19.

Sotto questo punto di vista, stanno acquisendo altrettanto rilievo le imprese che stanno puntando alla digitalizzazione: adattarsi all’avanzamento tecnologico non rappresenta che la chiave per il successo e per rimanere competitivi all’interno dei propri segmenti.

Infine, non per importanza, risultano essere in crescita anche i supermercati: com’è facile immaginare, queste tipologie di attività non hanno sentito la crisi, ma in alcuni casi persino un aumento costante del fatturato.