coronaviruscontagi del 1/11/2020 sono perfettamente in linea con i numeri visti nelle scorse giornate, precisamente sono 29’907 i nuovi positivi sul territorio Italiano, a fronte di un calo del numero di tamponi processati, 183’457 (ieri erano 30’000 in più).

Il mese di Novembre non inizia nel migliore dei modi per il popolo italiani, l’incremento di casi positivi è notevole, segnale che non è ancora arrivato il momento di abbassare la guardia. I decessi nel corso delle ultime 24 ore sono 208, contro i 297 della scorsa giornata, con un incremento di 2954 guariti. Attualmente sul territorio si registrano 378’129 persone risultate positive, di queste 18’902 sono ricoverati in ospedale, mentre 1939 sono in terapia intensiva, tutti gli altri sono in isolamento domiciliare.

Dall’inizio dell’anno sono 709’335 i casi in Italia, con un totale di 38’826 decessi 292’380 guariti.

 

Contagi: cosa accade di preciso nelle regioni

blank

La situazione in Lombardia è apertamente fuori controllo, sono 8607 i nuovi positivi comunicati nelle ultime 24 ore, al secondo posto si posiziona la Campania, con un incremento di 3860 casi di positività, per finire poi con la Toscana ed i suoi 2379 contagi.

Sempre preoccupanti sono le condizioni di Piemonte +2024, Veneto +2300 e Lazio +2351, senza dimenticare Sicilia +1095 e Emilia Romagna +1758. Numeri elevati, ma non eccessivamente, in Liguria +736, Puglia +680, Marche +683, Friuli Venezia Giulia +403, Umbria +788, Abruzzo +489, Sardegna +399, Provincia autonoma di Trento +210, Provincia autonoma di Bolzano +534, Calabria +245 e Basilicata +150.

Le regioni meno colpite sono sostanzialmente sempre le solite, quindi Valle d’Aosta, con una crescita di soli 135 casi, per finire con il Molise ed i suoi 101 contagi nelle ultime 24 ore. A breve verrà diramato un nuovo DPCM ancora più restrittivo per bloccare una volta per tutte la diffusione del virus.