blank

Viene chiamata “ciclopropenilidene” o “C 3 H 2”. Gli scienziati affermano che questa semplice molecola a base di carbonio potrebbe essere un precursore di composti più complessi che potrebbero formare o alimentare la possibile vita su Titano.

I ricercatori hanno scoperto C 3 H 2 utilizzando un radiotelescopio nel Nord del Cile e hanno notato che C 3 H 2, è composto da carbonio e idrogeno.

“Quando ho capito che stavo osservando il ciclopropenilidene, il mio primo pensiero è stato: ‘Bene, questo è davvero inaspettato'”, ha detto Conor Nixon, scienziato planetario presso il Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, nel Maryland, che ha guidato la ricerca ALMA. I risultati della sua squadra sono stati pubblicati il 15 ottobre 2020 sull’Astronomical Journal.

Sebbene gli scienziati abbiano trovato C 3 H 2 nelle sacche di tutta la galassia, trovarlo in un’atmosfera è stata una sorpresa. Questo perché il ciclopropenilidene può reagire facilmente con altre molecole con cui entra in contatto e formare specie diverse. Finora gli astronomi hanno trovato C 3 H 2 solo nelle nuvole di gas e polvere che fluttuano tra i sistemi stellari, in altre parole, regioni troppo fredde e diffuse per facilitare molte reazioni chimiche.

Ma le atmosfere dense come quella di Titano sono alveari di attività chimica. Questa è una delle ragioni principali per cui gli scienziati sono interessati a questa luna, che è la destinazione della prossima missione Dragonfly della NASA. Il team di Nixon è stato in grado di identificare piccole quantità di C 3 H 2 su Titano, probabilmente perché stavano guardando negli strati superiori dell’atmosfera lunare, dove ci sono meno gas con cui C 3 H 2 può interagire. Gli scienziati non sanno ancora perché il ciclopropenilidene sarebbe comparso nell’atmosfera di Titano ma non in nessun’altra atmosfera. “Titano è unico nel nostro sistema solare”, ha detto Nixon. “Si è rivelato un tesoro di nuove molecole.”
Titano ha un’atmosfera spessa che è quattro volte più densa di quella terrestre, oltre a nuvole, pioggia, laghi e fiumi e persino un oceano sotterraneo di acqua salata.

L’atmosfera di Titano è composta principalmente da azoto, come quella terrestre, con un pizzico di metano. Quando le molecole di metano e azoto si rompono sotto il bagliore del sole, i loro atomi componenti liberano una complessa rete di chimica organica che ha affascinato gli scienziati e ha spinto questa luna in cima alla lista degli obiettivi più importanti nella ricerca della NASA per il presente e la passata vita nel sistema solare.

“Stiamo cercando di capire se Titano è abitabile”, ha detto Rosaly Lopes, ricercatore ed esperto di Titano presso il Jet Propulsion Laboratory ( JPL ) della NASA a Pasadena, in California. “Quindi vogliamo sapere quali composti dell’atmosfera arrivano in superficie, e poi, se quel materiale può attraversare la crosta di ghiaccio fino all’oceano sottostante, perché pensiamo che l’oceano sia dove si trovano le condizioni abitabili”.

I tipi di molecole che potrebbero essere presenti sulla superficie di Titano potrebbero essere gli stessi che hanno formato i mattoni della vita sulla Terra. All’inizio della sua storia, 3,8-2,5 miliardi di anni fa, quando il metano riempiva l’aria terrestre invece dell’ossigeno, le condizioni qui sarebbero potute essere simili a quelle su Titano oggi, sospettano gli scienziati.

“Pensiamo a Titano come ad un laboratorio di vita reale in cui possiamo vedere una chimica simile a quella dell’antica Terra quando la vita stava prendendo piede qui”, ha detto Melissa Trainer, un astrobiologo della NASA Goddard. Trainer è il vice investigatore principale della missione Dragonfly e capo di uno strumento sul rotorcraft Dragonfly che analizzerà la composizione della superficie di Titano.

“Cercheremo molecole più grandi di C 3 H 2 “, ha detto Trainer, “ma abbiamo bisogno di sapere cosa sta succedendo nell’atmosfera per capire le reazioni chimiche che portano alla formazione e alla pioggia di molecole organiche complesse”.
Il ciclopropenilidene è l’unica altra molecola “ciclica” o a circuito chiuso oltre al benzene ad essere stata finora trovata nell’atmosfera di Titano.