Apple ha rilasciato l’ultima versione del suo sistema operativo per dispositivi mobile lo scorso 17 settembre. iOS 14 è una vera e propria rivoluzione e stravolge il modo in cui si interagisce con il proprio iPhone.

Come? Introducendo i Widget, la Libreria App e le scorciatoie con tocco posteriore. I primi esistono già da tempo su iPhone, ma erano disponibili solo per la pagina Oggi. Con iOS 14, i widget possono essere utilizzati anche per personalizzare la Home scegliendo tra formati diversi (2×2, 4×2 e 4×4).

La Libreria App è una libreria, appunto, che ordina automaticamente tutte le app installate sull’iPhone in cartelle tematiche. Le app vengono aggiunte automaticamente alla libreria al momento dell’installazione e non possono essere spostate in cartelle diverse.

iOS 14 introduce anche la possibilità di svolgere una serie di operazioni toccando due o tre volte la scocca posteriore dello smartphone. E’ possibile assegnare al doppio tocco o al triplo tocco una sola funzionalità tra tutte quelle assegnate. Io, per esempio, ho scelto di richiamare Siri con il doppio tocco, ed effettuare uno screenshot con il triplo tocco.

iOS 14, altre novità

Altre novità riguardano poi la gestione delle chiamate: quando riceviamo una chiamata telefonica mentre lo smartphone è bloccato, viene mostrato un piccolo pop-up che ci consente di rispondere alla chiamata o rifiutarla, senza però oscurare completamente la schermata ed obbligarci a mettere in pausa ciò che si stava facendo.

iOS 14 introduce anche la possibilità  di cambiare il browser predefinito, di fissare una conversazione nell’app Messaggi e la modalità Picture-in-Picture per ridurre un’applicazione ad un piccolo quadratino in sovrapposizione mentre si utilizza un’altra app. Molto interessante anche la nuova modalità Sonno, che può essere programmata per stabilire una propria routine. E’ possibile, per esempio, stabilire il proprio obiettivo, una sveglia quotidiana, quali notifiche o funzionalità disattivare da una determinata ora del giorno e quali, invece, mantenere attive per rilassarsi prima di andare a dormire.

Infine, ma non meno importante, con iOS 14 debutta l’app Traduttore proprietaria di Apple. Al momento non supporta molte lingue (inglese, francese, tedesco, spagnolo, portoghese, italiano, cinese, coreano, giapponese, arabo e russo), ma supporta la modalità Conversazione per traduzioni in tempo reale e funziona decisamente bene.