blank

Se anche tu sei tra quei trecento milioni di utenti che ogni giorno utilizzano Spotify per accompagnare qualsiasi momento della propria giornata, allora non potrebbero non interessarti tutte le novità di cui vorrei parlarti oggi.

Quella che è – oggi – una delle piattaforme di musica in streaming più utilizzati al mondo, infatti, sta attualmente testando una serie di funzionalità che potrebbero presto debuttare ufficialmente. Ad individuarle è stata Jane Manchun Wong, una sviluppatrice molto nota per l’aver scoperto in anticipo molte novità poi lanciate ufficialmente.

Spotify, ecco tutte le novità che stanno per arrivare sull’app

La prima novità, probabilmente la più interessante, riguarda l’ascolto offline. Questa funzionalità non sarà più un’esclusiva degli utenti Premium, ma anche chi è in possesso di un abbonamento gratuito potrà usufruirne seppur in maniera limitata. Spotify, infatti, concederà agli utenti Free 30 minuti di ascolto offline al giorno, tutti i giorni.

blank

L’altra novità riguarda i podcast. Spotify starebbe lavorando alla funzionalità I tuoi episodi, per cui sarà possibile salvare gli episodi dei propri podcast preferiti ed ascoltarli nuovamente dall’apposita sezione.

blank

Oltre ciò, il team di Spotify starebbe anche testando la funzione di aggiornamento automatico per le playlist. Abilitando questa funzione, Spotify aggiornerà automaticamente le playlist degli utenti introducendo delle nuove canzoni, molto probabilmente quelle raccomandate dalle piattaforma stessa in base ai gusti manifestati.

blank

Un’altra serie di novità riguarda l’interfaccia di Spotify relativa alla Car Mode, ovvero alla modalità che viene attivata alla guida. La nuova interfaccia utente mostrerà delle griglie più grandi delle playlist consigliate, una barra di navigazione appositamente ridisegnata ed un banner che informerà l’utente circa la possibilità di controllare la riproduzione musicale tramite Google Assistant.

Ricordo che tutte queste funzionalità sono ancora in fase di test e non si hanno ancora informazioni sulla data di rilascio ufficiale. Questa sviluppatrice, infatti, è in grado di scoprire nuove funzionalità settimane, mesi o addirittura anni prima del loro lancio ufficiale.