Nuovo concorde- Londra

Un nuovo prototipo di Concorde è stato progettato dalla startup statunitense  Boom Supersonic e consentirà di coprire la distanza tra Londra e New York in appena 3 ore. Il modello, realizzato in scala 1:3, sarà trasformato in un aereo vero e proprio nel 2030 sebbene i primi voli test inizieranno già a partire dal 2021. Il nuovo Concorde si chiamerà XB-1 e ricalcherà, migliorandole, le orme del volo supersonico del precedente modello anglofrancese.

La sorte di quest’ultimo non è stata delle migliori e ha prodotto un dietrofront sulle innovazioni tecnologiche dell’aviazione civile. Il primo Concorde che consentiva di coprire la tratta Londra New York in 3 ore e mezza ha smesso di volare nel 2003, pochi anni dopo l’incidente che costò la vita a 113 persone. Parliamo del volo che si alzò da Parigi il 25 luglio 2000, ma che poco dopo si schiantò nelle campagne francesi uccidendo tutti i passeggeri. Da allora ogni sperimentazione di voli supersonici è stata bloccata e fino ad oggi si continua a raggiungere le mete oltreoceano con il doppio del tempo.

Il nuovo Concorde: il jet supersonico del futuro.

Il nuovo modello di Concorde XB-1 raggiungerà prestazioni molto simili al suo antenato con una velocità di circa 2.368 km/h. Naturalmente si tratterà di una versione ancor più innovativa tanto che il jet supersonico sarà ecologico. A detta della startup infatti, XB-1 sarà interamente costruito in carbon neutral così da rendere il nuovo prototipo sicuro e sostenibile anche dal punto di vista ambientale.

Al momento l’azienda costruttrice sta raccogliendo ordini per poter continuare a finanziare lo spettacolare progetto. Attualmente i primi clienti hanno versato circa 6 milioni di dollari e tra di loro compaiono la Virgin Group e la Japan Airlines. L’aereo, che del modello precedente assumerà anche la tipica forma a freccia, sarà esclusivamente impiegato in tratte transoceaniche. E proprio sull’oceano raggiungerà il massimo della velocità dove il boom sonico non interferirà con il vivere continentale.