blankTwitch, la piattaforma streaming di videogiochi, ha confermato di aver sospeso il canale di Donald Trump per “cattiva condotta” a causa di alcuni contenuti sia recenti che passati.

Il presidente americano ha usato la piattaforma in passato per trasmettere live gran parte dell’iter elettorale nel 2016. Tra gli eventi trasmessi c’è in particolare uno in cui Trump afferma che il Messico sia solo un ammasso di droghe e criminalità poi portate negli Stati Uniti. Un’altra live più recente c’è stata a Tulsa, e Trump ha rilasciato dichiarazioni discutibili concerni la figura della donna e la commissione di reati.

Un portavoce di Twitch ha dichiarato che le modifiche sono temporanee, ma al momento il canale del presidente è oscurato. Non si sa con precisione per quale o quali dei contenuti il canale sia stato bannato né con quale tempistica. “La violenza in qualsiasi forma non è consentita su Twitch. In linea con le nostre norme, il canale del presidente Trump ha ricevuto una sospensione temporanea da Twitch per i commenti fatti in streaming e i contenuti offensivi sono stati rimossi”.

Canale di Trump su Twitch bannato, ennesimo ban sui social media per il presidente americano

Il canale di Trump ha iniziato guadagnare follower ad ottobre fino ad arrivare a più di 125.000 follower su 113 stream. Questo è significativamente inferiore agli 83 milioni di follower che il presidente ha su Twitter. Pare che la goccia che ha fatto traboccare il vaso sia stata proprio risalire a post precedenti con ulteriori commenti fuori luogo, in particolare durante la sua campagna del 2016 Trump ha dichiarato: “Quando il Messico manda la sua gente, non stanno inviando il meglio. Stanno inviando persone che hanno molti problemi e ci stanno portando droghe. Stanno portando criminalità. Sono stupratori. E alcuni, presumo, sono brave persone. Parlo con le guardie di frontiera e ci dicono come sono. Non ci stanno mandando le persone giuste”.

Twitter ha ripetutamente fatto eccezioni per i contenuti pubblicati dal presidente che viola le sue regole in base alla sua “attitudine alla notizia”. ​​Twitch ha affermato di non “fare eccezioni per i contenuti politici o simili”. Reddit ha bandito la community r / The_Donald per aver infranto ripetutamente le sue regole, cosa che l’azienda ha evitato di fare per anni. La pagina è diventata un hub per contenuti nazionalisti e razzisti bianchi.

Anche altri social media stanno prendendo provvedimenti contro le dichiarazioni di Trump. Twitter ha aggiunto etichette contestuali ai tweet del presidente, il che ha portato a un tentativo di Trump di ridurre la libertà di tutti i proprietari di siti Web, grandi o piccoli, modificando la Sezione 230. La Sezione 230 protegge qualsiasi sito Web o servizio che ospita contenuti, comprese le sezioni di commento dei punti vendita, servizi video come YouTube e servizi di social media come Facebook e Twitter, da azioni legali su contenuti pubblicati dagli utenti.