Apple, iPhone, 2020, 5G, Qualcomm,

Sembra che Apple sia vicina ad una nuova svolta epocale. Dopo aver rivoluzionato il mondo Mac, questa volta tocca al mondo iPhone. Stando le indiscrezioni avanzate da Barclays, l’azienda di Cupertino sta valutando la possibilità di eliminare dalla confezione di vendita sia le cuffie che il caricabatteria.

I primi device che potrebbero convivere con questa rivoluzione saranno gli iPhone 12. Il debutto dei nuovi terminali è previsto nella seconda metà del 2020, molto probabilmente verso il mese di ottobre. Gli analisti della Barclays hanno formulato questa ipotesi basandosi su una serie di indizi e aspettative dopo ore di discussione con i vari fornitori di Apple. 

I nuovi iPhone sorprenderanno (in peggio) gli utenti

Tuttavia, non è la prima volta che se ne parla. Infatti, l’analista Ming-Chi Kuo ha già avanzato questa ipotesi nei giorni scorsi. Dietro la scelta di non inserire le EarPods nella confezione di vendita degli iPhone 12 c’è una precisa ragione commerciale. Apple infatti vorrebe sostenere l’adozione delle cuffie wireless ed in particolare delle AirPods di terza generazione che arriveranno l’anno prossimo.

Anche la scelta di non fornire un caricabatterie agli utenti è strategica. Gli iPhone venduti ogni anno sono milioni e di certo, in ogni casa c’è almeno un caricabatterie da muro. Con gli iPhone 12 verrà fornito solo un cavo USB-C to Lightning compatibile con ogni caricabatterie.

Se l’utente dovesse aver bisogno di un caricabatterie nuovo, potrà acquistare quelli originali Apple a 5W e 18W. Certamente ne gioverà il pianeta con meno spazzatura tecnologica in giro e al tempo stesso ne giova l’azienda di Cupertino

Al momento si tratta solo di previsioni, quindi non c’è nulla di confermato. Non resta che attendere e scoprire se queste analisi si riveleranno giuste.