Secondo un recente annuncio della piattaforma social Instagram, dal mese prossimo sarà esteso l’accesso della funzionalità di Shopping anche a diverse tipologie di aziende, compresi i creatori di contenuti che vogliono sfruttare la propria popolarità per fare merchandising.

La nuova funzionalità sarà utilizzabile per la precisione dal prossimo 9 luglio 2020 e, come si legge nell’annuncio ufficiale “le aziende dovranno taggare i prodotti su Instagram da un unico sito web di loro proprietà e da cui vendono, in modo da offrire alle persone un’esperienza di acquisto coerente e affidabile“. Scopriamo insieme tutti i dettagli.

 

Instagram estenderà la funzione shopping anche ai creatori di contenuti

Vi ricordo che la modalità “shopping” consiste nel “taggare” un prodotto presente all’interno di una foto in modo che l’utente possa acquistare quel prodotto direttamente sull’applicazione, senza dover essere rimandato al sito ufficiale dell’azienda/brand. Una volta taggato il prodotto sarà possibile visualizzare l’icona di una borsa sull’immagine del post e, cliccandoci, troveremo informazioni come nome, prezzo e descrizione.

Il vantaggio di questa trovata è palese: è da tempo ormai che la navigazione da mobile ha superato quella desktop anche se, va detto, le conversioni avvengono ancora da computer, almeno in Italia. Questa nuova feature però promette di diminuire questo gap a favore di una migliore esperienza utente sul Social.

Dal prossimo 9 luglio 2020 potranno vendere i propri prodotti anche i creatori di contenuti. Per bisogna rispettare alcuni requisiti di idoneità, tra cui dimostrare di avere una presenza stabile ed autentica, collegata ad una “base di follower sufficiente“, che però Instagram non specifica. Un buon modo per far fiorire il mercato degli influencer e dei creatori.