googleLo stato dell’Arizona ha tentato di far causa a Google sostenendo che la società utilizza “pratiche ingannevoli e sleali utilizzate per ottenere i dati sulla posizione degli utenti, che Google sfrutta per la sua redditizia attività pubblicitaria“.

Stando a tali dichiarazioni, Google sta violando l’Arizona Consumer Fraud Act. Il gigante della ricerca monitora la posizione degli smartphone Android esplicitamente attraverso applicazioni come Google Maps, senza che gli utenti ne siano necessariamente consapevoli. I dati includono la posizione del dispositivo, la scansione Wi-Fi e Bluetooth, la personalizzazione degli annunci. Inoltre, la segnalazione della posizione e i dati di utilizzo e di diagnostica che possono essere utilizzati per la posizione. Anche quando gli utenti ritengono che le impostazioni per rilevare la posizione siano disattivate, Google raccoglie informazioni in altri modi.

Nel comunicato stampa, l’indagine mette in luce che Google rende difficile per gli utenti capire cosa si sta facendo con i dati. Apparentemente alcune impostazioni non hanno nulla a che fare con la raccolta di informazioni sulla posizione. Il gigante della ricerca è stato accusato di oscurare il consenso dei suoi utenti – per quanto riguarda i dati sulla posizione e le impostazioni sulla privacy . da almeno tre anni.

Google sotto accusa: l’Arizona ritiene che l’azienda sfrutta il proprio successo sul mercato per raccogliere i dati degli utenti a loro insaputa

Nel 2017, è stato riferito che Google fosse in grado di rintracciarci anche con i servizi di localizzazione disattivati, senza utilizzare l’app e rimuovendo la SIM. Infatti, i dispositivi Android con una connessione cellulare o Wi-Fi raccolgono i dati tramite i ripetitori cellulari più vicini. Nel 2019, la società ha rilasciato nuovi strumenti per eliminare definitivamente i dati sensibili. Questo in seguito ai tanti report dettagliati di Google sulla posizione degli utenti.

“La società sfrutta altre strade per invadere la privacy, dichiara il procuratore generale Mark Brnovich. Parlando al Washington Post, il procuratore generale ha affermato: “Ad un certo punto, le persone o le aziende che hanno molti soldi pensano di poter fare qualunque cosa e sentono di essere al di sopra della legge. Volevo che Google ricevesse il messaggio che l’Arizona ha una legge sulle frodi. Potrebbero essere la compagnia più innovativa al mondo, ciò non significa che siano al di sopra della legge”. Le leggi antifrode consentirebbero all’Arizona di ricevere 10.000 dollari per ogni violazione.