Facebook

Facebook ha ricevuto un’altra multa. Questa volta il social network sta consegnando 6,5 milioni di dollari statunitensi (9 milioni di dollari canadesi) al Canada come parte di un accordo sul modo in cui ha gestito le informazioni personali degli utenti tra agosto 2012 e giugno 2018. Secondo il Competition Bureau of Canada, Facebook “ha dichiarato affermazioni false o fuorvianti sulla privacy delle informazioni personali dei canadesi su Facebook e Messenger” e ha condiviso in modo improprio dati con sviluppatori di terze parti.

Ha dichiarato il commissario per la concorrenza Mattew Bose in una nota: “I canadesi si aspettano e meritano la verità dalle imprese dell’economia digitale, e le affermazioni sulla privacy non fanno eccezione”. L’Ufficio della concorrenza non esiterà a reprimere qualsiasi attività che faccia affermazioni false o fuorvianti ai canadesi sul modo in cui utilizzano i dati personali, siano essi multinazionali come Facebook o società più piccole“.

 

Facebook e la sua lunga lista di multe per i vari scandali

In una dichiarazione a Reuters, Facebook ha dichiarato di “non essere d’accordo” con la scoperta, ma voleva comunque risolvere rapidamente la questione. “Sebbene non siamo d’accordo con le conclusioni del Commissario, stiamo risolvendo la questione stipulando un accordo di consenso e non contestando le conclusioni ai fini del presente accordo“, ha affermato un portavoce.

Questa multa è l’ultima di una lunga serie di penalità che Facebook ha subito per il modo in cui gestisce i dati degli utenti. Sulla scia dello scandalo Cambridge Analytica, che ha coinvolto i dati di circa 87 milioni di utenti di Facebook in tutto il mondo, la società ha subito multe multiple, tra cui una record di $ 5 miliardi dai regolatori statunitensi a gennaio.