Samsung, Galaxy, Note 20, Galaxy Note 20, Exynos 1000, SoC,

La seconda metà dell’anno sarà molto importante per Samsung. Infatti, il produttore ha in cantiere parecchie novità da lanciare sul mercato. Tra queste spicca certamente il nuovo Galaxy Note 20, il top di gamma della serie Note. Lo smartphone è stato anticipato nel corso delle settimane, ma ovviamente si tratta di indiscrezioni non confermate. Tuttavia, in queste ore è emerso un nuovo leak che si preannuncia molto probabile.

Secondo Sammobile, tutte le versioni di Galaxy Note 20 rilasciate da Samsung arriveranno sul mercato con 16GB di memoria RAM. A cambiare tra i modelli quindi sarà la memoria interna. Il passo avanti rispetto alla serie Galaxy S20 in questo caso è notevole. Infatti, per gli attuali top di gamma solo la versione Ultra può vantare 16GB di RAM e 512GB di memoria interna.

Samsung potrebbe presentare diverse versioni di Galaxy Note 20, adatte per ogni esigenza dei consumatori. Infatti saranno realizzate sia la versione 4G che quella compatibile con le reti 5G. Tuttavia, non ci saranno differenze sostanziali tra le differenti varianti, almeno nell’ammontare di RAM. 

Samsung Galaxy Note 20 sarà un mostro di potenza

Questo rumor, per quanto ancora una indiscrezione, è supportato da alcune prove. Infatti Samsung ha già avviato la produzione di massa dei moduli di memoria RAM LPDDR5 da 16GB lo scorso febbraio. Questo significa che i moduli sono destinati ai device che saranno presentati nella seconda metà dell’anno, quindi certamente Galaxy Note 20, oltre che tutti quelli degli OEM che si riforniscono da Samsung. 

Al momento le differenze tra Galaxy Note 20 e Galaxy Note 20 Plus non sono ancora conosciute. Certamente il secondo avrà un display più grande così come la batteria, ma non si può ancora scendere nel dettaglio. Probabilmente Samsung introdurrà il nuovo SoC Exynos 1000 sviluppato in collaborazione con AMD, ma è ancora presto per avere la certezza.