Intel durante durante l’ISSCC  ha svelato nuovi dettagli riguardo il suo chip, Horse Ridge, creato per il controllo criogenico dei computer quantistici, sviluppato da Intel Labs e QuTech.

I nuovi dettagli

Intel Horse Ridge è progettato basandosi sul processo 22FFL CMOS di Intel ed è capace di controllare fino a 128 qubit con un singolo dispositivo.

Con Horse Ridge Intel si pone di migliorare la scalabilità dei computer quantistici a migliaia di chip, andando a semplificare e quindi migliorare le interconnessioni, fino a permettere la risoluzione di problemi reali attraverso i computer quantistici.

Per far ciò Intel vuole semplificare la complessa elettronica di controllo necessaria a gestire un sistema quantistico, andando perciò a ridurre il tutto ad un SoC in grado di operare a temperature criogeniche paragonabili a quelle del chip quantistico stesso.

Per far ciò lo sviluppo si è concentrato su tre aspetti specifici: scalabilità, fedeltà e flessibilità.

Stando a quanto dichiarato da Intel,Horse Bridge è un chip criogenico a segnale misto, con un die di 4×4 mm quadrati, che integra SRAM, core digitale e circuiteria analogica/RF.

Stando sempre alle parole di Intel esso integrerà quattro canali RF in un singolo dispositivo, di cui ognuno controllerà 32 qubit sfruttando il multiplexing di frequenza, cosa che si traduce in 32 bande di frequenza differenti non sovrapposte in grado perciò, di trasportare un segnale separato.

La possibilità di usare 4 canali implica perciò che il chip potrà controllare 128 qubit diminuendo però il numero di cavi e migliorando la scalabilità.

l’Aumento del numero di qubit costituisce una vera e propria sfida in termini di fedeltà e prestazioni, questo poichè il cambio di fase possibile può creare degli errori, limitati appunto dalla nuova tecnologia multiplexing, che permette la diafonia tra i qubit proprio per il controllo di fase a frequenze diverse.

Stando alle dichiarazioni Intel al momento è limitata a lavorare con pochi qubit circondati da una complessa tecnologia ad-hoc per il controllo e l’interconnessione.

Horse Ridge è il primo passo verso una semplificazione di questi complessi componenti elettronici, con l’obbiettivo di arrivare poi a gestire abbastanza qubit da giungere alla praticità quantistica.