microsoft-musica-intelligenza-artificiale

Un’Intelligenza Artificiale è sostanzialmente una serie di algoritmi. Detto questo, per quanto sia una spiegazione semplicistica, l’utilità di quest’ultime sono quasi disarmanti. Dall’individuazione di forme di cancro anche meglio dell’occhio di un esperto, al suggerirti cosa fare la sera in base ai tuoi gusti. Davanti a noi si è aperto un nuovo mondo di infinite possibilità e Microsoft ha deciso di coglierne una particolare.

Il colosso statunitense in collaborazione con Björk, una cantante islandese, ha deciso di usare un’IA per creare musica. Un nuovo modo di esprimere questa forma di arte sfruttando le nuove tecnologie. L’ispirazione sarà il cielo. Un progetto la cui parte operativa è stata installata nella hall di un hotel a New York City, il Sister City. La musica verrà riprodotta a ciclo continuo.

 

Microsoft e l’Intelligenza Artificiale: la musica del cielo

Il software di Intelligenza Artificiale avrà degli occhi continuamente fissi nel cielo. A seconda delle nuvole, il passaggio degli uccelli, degli aerei e persino la pressione barometrica, la musica cambia. I brani in generale sono quelli della sopracitata cantante i quali vengono riarrangiati con in aggiunta anche degli archivi corali chiamati Kórsafn.

In realtà l’uso di un’IA per questo scopo non è nuova. Ci sono state diverse dimostrazioni anche da parte della stessa Björk. Il video qua sotto vi dà un assaggio di quello che si sente all’interno della hall dell’albergo in questione. Si tratta di un pezzo strano e quasi sicuramente un qualcosa che in ben pochi apprezzeranno, ma risulta comunque particolarmente interessante.