In queste ultime settimane sembra che sia scoppiata la mania per The Witcher. Tutti sembrano uscire pazzi per la serie che trae ispirazione dal famoso videogame fantasy. Ciò che tutti non sanno però è che il videogame a sua volta, prende spunto dalla saga letteraria dall’omonimo nome.

Si è dovuti arrivare a diversi capitoli del franchise prima di avere il grande successo planetario di cui attualmente gode la saga. Di fatto il titolo è sempre stato giocato con estremo entusiasmo dai players, tuttavia è solo con il terzo volume che è arrivata la popolarità. Tale fama ha interessato anche i produttori di Netflix, che hanno deciso di investire un ingente capitale per il finanziamento della serie e l’adattamento del gioco. Un’importante cifra è inoltre stata spesa per il reclutamento del noto attore Henry Cavill (l’attuale Superman della trasposizione cinematografica dei fumetti DC Comics).

 

The Witcher: numeri da capogiro su Steam

 

The Witcher è un successo strutturato e studiato a tavolino: una trama semplice ma avvincente, un attore bello e di successo, l’attenzione mediatica trainata dal videogioco, un’ambientazione fantasy medioevale (alla “GoT“). Sembra che non manchi nulla fra gli ingredienti necessari per una serie di successo.

Sulla nota piattoforma di videogiochi Steam, i numeri parlano chiaro: si parla di oltre 100.000 giocatori connessi al portale per il download del gioco proprio nel Dicembre scorso, a pochi giorni dall’uscita della serie su Netflix. Il gioco infatti, uscito per la prima volta nel 2007 è divenuto via via un fenomeno al punto da portare la controparte per PC anche su consolle (all’epoca ricordiamo che c’erano la PS3 e la X Box 360).

Voi avete già visto la serie o avete giocato ad uno dei capitoli del videogame? Fatecelo sapere nei commenti.