tim

Tantissimi clienti Tim, Wind, Vodafone e 3 Italia nelle ultime settimane stanno riscontrando alcuni problemi con la propria sim telefonica. In particolar modo, alcuni si sono ritrovati impossibilitati ad utilizzarla poiché sotto attacco degli hacker.

Purtroppo i cyber criminali hanno trovato un altro metodo per ingannare le loro vittime e questa volta hanno utilizzato la clonazione della SIM, anche se si tratta di un protocollo piuttosto complicato e difficile; eccovi svelati tutti i dettagli a riguardo.

Tim, Vodafone, 3 Italia e Wind: clienti nel mirino degli hacker

Clonare una scheda telefonica non è affatto un attacco facile poiché prevede tantissimo tempo, pazienza e attrezzature particolari in grado di scovare informazioni strettamente personali.

I cyber criminali, innanzitutto, devono effettuare una denuncia per lo smarrimento della SIM in modo da ricevere un modulo apposito da compilare; proprio per questo motivo sono necessarie informazioni importanti della vittima come per esempio: carta di identità, codice fiscale, residenza, e via dicendo.
Una volta in possesso di queste informazioni è necessario compilare l’apposito modulo per ricevere la nuova scheda telefonica direttamente a casa all’indirizzo inserito.

Si tratta di un vero e proprio rischio perché una volta in possesso della scheda telefonica e del numero di telefono della vittima, l’hacker, può effettuare diverse operazioni; per esempio, può richiedere alla banca della vittima delle nuove credenziali per effettuare l’accesso online; in questo modo, svuotare l’intero ammontare del conto corrente è un attimo.

E’ bene prestare molta attenzione durante l’utilizzo del proprio smartphone e segnalare qualsiasi problema a riguardo; avere problemi con la propria scheda telefonica potrebbe essere probabilmente un attacco hacker.