Xbox, Serie X, Microsoft, Sony, Playstation 5

In attesa dell’arrivo del Natale, Microsoft ha già dimostrato di pensare al futuro e in particolare a Natale 2020. L’azienda infatti ha annunciato ufficialmente il debutto di Xbox Series X, la console next-gen del brand di Redmond.

La console sarà l’avversaria diretta di PlayStation 5 nella nuova console war e a breve ci aspettiamo la risposta da parte di Sony. Nel frattempo però Microsoft ha svelato alcuni dettagli sulla nuova console. Xbox Series X sarà in grado di sviluppare fino a 12 TeraFLOPS, il doppio rispetto a Xbox One X, la console più potente attualmente sul mercato. Questi risultati sono strettamente legati all’hardware di altissimo livello che sarà montato sulla console.

Ovviamente tutta questa tecnologia ha un costo e Microsoft ne è consapevole. Per questo motivo sta valutando la possibilità di lanciare anche una console più economica. I rumor riguardanti questa console low-cost si susseguono da tempo, ma sono tornati alla carica solo dopo l’annuncio della Xbox Series X. L’utilizzo della parola “Series” nel nome ufficiale della console lascia intendere una famiglia di prodotti.

Microsoft sta lavorando da tempo su una console dal nome in codice “Lockhart”. Questa versione non potrà contare sulle stesse performance di Xbox Series X grazie ad un hardware leggermente inferiore. Le indiscrezioni indicano una potenza del processore inferiore e meno memoria RAM a disposizione. Potrebbe mancare anche il lettore Blu-Ray basandosi quindi solo sull’acquisto dei giochi in versione digitale.

Tuttavia, grazie all’utilizzo di SSD dotati di tecnologia proprietaria, i tempi di caricamento saranno drasticamente ridotti per la gioia dei giocatori. Inoltre, Microsoft continuerà a spingere sullo sviluppo di Project xCloud, un servizio che permetterà ai giocatori di iniziare a giocare in streaming mentre si scaricano i giochi dallo store.