Microsoft sta nuovamente tentando di imporsi nel mercato degli smartphone da svariati miliardi di dollari dopo aver annunciato il nuovo smartphone Surface Duo pieghevole con doppio schermo.

Surface Duo è stato annunciato in occasione di un evento che ha avuto luogo a New York City. Il dispositivo è stato annunciato insieme a Surface Laptop 3 e Surface Pro 7, nonché a un tablet pieghevole a doppio schermo chiamato Surface Neo. Insolitamente per Microsoft, la società ha utilizzato software dei suoi rivali per realizzarlo, sotto forma di sistema operativo mobile Android di Google. “Questo prodotto riunisce il meglio di Microsoft e stiamo collaborando con Google per portare il meglio di Android in un unico prodotto“, ha affermato colui che si sta occupando dell’intero del prodotto Microsoft, Panos Panay. “Questa è una tecnologia che spinge l’industria”.

Microsoft Surface Duo debutterà il prossimo anno e supporterà due display

Il dispositivo presenterà due display da 5,6 pollici che si ripiegano per formare un dispositivo da 8,3 pollici. I consumatori dovranno attendere almeno un anno per provare il Surface Duo. Microsoft ha dichiarato che la data di uscita sarà in tempo per le “vacanze nel 2020”. L’azienda ha dovuto ridisegnare il suo sistema operativo per adattarlo al nuovo tablet pieghevole, ma non sarà utilizzato per lo smartphone. L’azienda scommetterà dunque su questa prossima grande scommessa di mercato nel settore degli smartphone, sebbene si tratti di una categoria relativamente nuova e non testata.

Al momento del lancio, Surface Duo sarà faccia a faccia con il Samsung Galaxy Fold e Huawei Mate X, così come altri smartphone che verranno rilasciati da altri produttori nel corso del prossimo anno. Gli analisti del settore hanno affermato che trattasi di una mossa audace in un mercato già sovraffollato. “Il successo di questi nuovi dispositivi renderà i fattori di forma più affidabili. Il profitto potrebbe essere grande se l’esperienza dell’utente e l’ecosistema si uniscono insieme – dovremo aspettare e vedere”.