Truffa via PECI cyber-criminali pur modificando frequentemente l’espediente da utilizzare per ingannare gli utenti tramite email, sembrano prediligere alcuni enti. L’Agenzia delle Entrate, ad esempio, è stata più volte presa di mira dagli hacker che hanno diffuso delle email fraudolente utilizzando il nome dell’ente in maniera illecita. La nuova truffa segnalata continua a presentarsi a nome dell’Agenzia e arriva via PEC.

Truffa via PEC: i cyber-criminali diffondono una nuova mail fraudolenta a nome dell’Agenzia delle Entrate!

La strategia utilizzata dall’ultima truffa online che coinvolge illecitamente l’Agenzia delle Entrate continua ad essere la stessa. Infatti, si tratta di una comunicazione dal tono non indifferente che invita gli utenti a scaricare un file allegato. Il contenuto della mail, ovviamente, nasconde un virus. Quindi, se scaricato, questo consentirà ai malfattori di danneggiare i dispositivi degli utenti e arrivare ai loro dati sensibili; che potrebbero offrire l’accesso anche ai risparmi presenti su carte di credito o conti correnti.

Leggi anche:  Unicredit e Intesa SanPaolo sfruttate dai truffatori: attenzione al phishing

A differenza delle email fraudolente arrivate a nome dell’Agenzia delle Entrate, che come sempre conferma l’infondatezza del messaggio e invita i clienti a diffidare dal messaggio, l’ultima truffa arriva via PEC, dunque gli utenti potrebbero lasciarsi raggirare con più facilità. Nonostante ciò, è molto importante prestare attenzione e ricordare i consigli e gli accorgimenti utili ad affrontare i tentativi di frode online e gli attacchi phishing. Anche in questo caso, dunque, è bene non cliccare su link o file presenti nella comunicazione e procedere con l’immediata eliminazione del messaggio. In caso di dubbi circa l’affidabilità di eventuali email ricevute è conveniente contattare l’ente in questione tramite contatti ufficiali, senza rispondere direttamente al messaggio o seguire i passaggi suggeriti da questo.