Uno dei satelliti di osservazione sulla Terra della NASA ha catturato immagini della costa spagnola rilevando uno “Stonehenge spagnolo” persa che è stata esposta dopo una siccità.

Stonehenge Spagnolo: la rivelazione dopo 50 anni sott’acqua

L’Image Land Imager di Landsat 8 ha acquisito immagini delle condizioni di secchezza dell’area negli ultimi sei anni. Un’immagine risale al 24 luglio 2013, mentre l’altra è stata acquisita il 25 luglio 2019. Le immagini rivelano il cambiamento dei livelli dell’acqua e il fondo esposto di recente del bacino artificiale di Valdecañas. Un cerchio mostra l’area in cui si dice che Dolmen di Guadalperal sia apparso dopo essere stato sott’acqua per circa 50 anni.

Secondo la NASA, molte aree d’Europa, compresa la Spagna, hanno sperimentato condizioni di siccità questa estate. La Spagna ha avuto il suo terzo giugno più secco di questo secolo, con temperature molto elevate a luglio e agosto. Queste condizioni di siccità hanno portato all’esposizione dei Dolmen di Guadalperal durante questo periodo, ha osservato Atlas Obscura.

Conosciuto quindi come lo “Stonehenge spagnolo”, il monumento è un cerchio di oltre 100 rocce in piedi che risalgono a 7000 anni fa. Gli archeologi ritengono che il Dolmen di Guadalperal potrebbe essere stato una tomba, un centro di commercio o un sito per riti religiosi. Secondo quanto riferito, l’archeologo tedesco Hugo Obermaier ha scavato il sito negli anni ’20. Quando i risultati di Obermaier sono stati pubblicati negli anni ’60, il bacino idrico di Valdecañas si riempì, nascondendo il monumento per molti anni.

I residenti locali hanno presentato una petizione per spostare le pietre, poiché stanno già cadendo, rompendosi ed erodendosi a causa dell’età. Credono che il monumento potrebbe essere una parte cruciale della storia della Spagna e aumentare il turismo nelle vicinanze.