Boeing: la soluzione ai problemi con il nuovo aereo a propulsione nucleare

Da diverso tempo, ormai, non si fa altro che parlare del duplice incidente aereo del Boeing 737 diffondendo notizie non solo reali ma anche fake news; purtroppo, la confusione è già troppo e per dare una risposta veritiera a tutte le persone, soprattutto ai parenti delle vittime, hanno deciso di condurre dei controlli accurati che hanno rivelato la causa dell’incidente.

A quanto pare, l’incidente non è stato causato da un problema umano ma da alcuni malfunzionamenti del velivolo. E’ iniziato tutto dal sistema di anti stallo chiamato MCAS che non ha avuto un corretto funzionamento in seguito ad alcuni difetti dei sensori dell’aeromobile.

Il MCAS è un sistema introdotto sugli ultimi Boeing 737 per controbilanciare la spinta verso l’alto dei motori; serve principalmente perché punta il muso dell’aereo verso il basso quando è in fase molto vicina allo stallo permettendo al velivolo di farlo ritornare in una posizione sicura.

Secondo quanto dicono i risultati degli studi, dei malfunzionamenti hanno attivato l’MCAS nel momento sbagliato scatenando le cadute dei velivoli e causando la morte di circa 360 persone.

Boeing 737: svelate finalmente le ultime novità

In seguito a queste due tragedie, la compagnia Boeing 737 è entrata in una crisi finanziaria mai vista prima ma attualmente sembra averla superata perché ha comunicato che il 737 tornerà a volare; ad annunciare la notizia è il CEO della compagnia, Dennis Muilenburg, comunicando inoltre la nuova sicurezza super elevata integrata.

Purtroppo però nuove notizie arrivano in rete. A quanto pare, hanno scovato dei nuovi problemi su un intero stock di lamelle e su un chip che si occupa principalmente del bilanciamento dell’aeromobile in aria.