Il nuovo standard di connessione che sbarcherà prossimamente nel nostro Paese sarà il 5G. Da quello che è emerso, la data dovrebbe aggirarsi nel mese di gennaio 2020 ed i consumatori non vedono l’ora di poterlo utilizzare.

Sentendo alcuni esperti in questo settore, la quinta rete di generazione cambierà il modo di interagire con oggetti, persone e città. Naturalmente ci sarà un miglioramento delle prestazioni, una maggiora qualità e velocità rispetto alla rete attuale.

Ma quello che sta segnando particolarmete gli utenti sono gli effetti delle onde elettromagnetiche sulle vite umane. In circolazione ci sono tante fake news, quindi prima di dare un giudizio sensato bisogna essere informati ed avere fonti certe.

 

5G: quali saranno gli effetti della nuova connessione?

Come detto precedentemente, la nuova rete 5G sta suscitando delle perplessità sui clienti dei vari operatori telefonici. Tutto ciò nasce da qualche falsa notizia che sta circolando da diverse settimane.

Leggi anche:  5G: non è tutto oro quello che luccica, ecco perché è meglio il vecchio 4G

A riguardo, la Fondazione per la Ricerca sul Cancro (AIRC) ha fatto notare che l’esposizione dell’uomo alle onde elettromagnetiche possono essere un rischio cancerogeno. Questa analisi è stata dedotta da uno studio effettuato nel lontano 2011.

Quello che possiamo dire con certezza che attualmente c’è un piccolo collegamento tra le onde elettromagnetiche e la probabilità dei tumori. Non esiste alcun rischio, quindi i clienti possono stare sereni: le onde del 5G sono meno dannose dell’attuale rete utilizzata da tutti gli operatori telefonici, ovvero il 4G.

Ad oggi, dobbiamo affidarci a delle sensazioni aleatorie considerando che non sono stati fatti ulteriori studi scientifici.