intelligenza artificiale riconoscimento immagini

L’intelligenza artificiale non è ancora così intelligente come ci aspettavamo, poiché nell’identificazione delle immagini fatica ancora a discernere tutto ciò che vede. Nonostante i già notevoli progressi che le macchine presentano nell’elaborazione di diversi task nel mondo industriale, uno sviluppo delle AI nella robotica sembra subire una piccola battuta d’arresto. Ci sono infatti immagini che mettono in difficoltà il computer perché creano delle illusioni ottiche impossibili per ora da risolvere.

Sebbene il pensiero comune potrà volgere al sorriso, questo tipo di difetto crea non poco imbarazzo nei progettisti di “macchine pensanti”, soprattutto se nell’imminente futuro dovremo affidare loro il controllo del traffico automobilistico e la guida autonoma dei veicoli. Quindi, sì, c’è un problema, ed è anche grave. Per averne una prova, bastare guardare a questo link come Google riconosce “una pistola in una tartaruga”!

 

Intelligenza artificiale: il riconoscimento delle immagini è imperfetto

Esistono alcune immagini che sono pensate apposta per ingannare i nostri occhi, figuriamoci gli algoritmi delle AI. Ma ciò che preoccupa di più sono gli errori che le macchine commettono di fronte a immagini che non sono pensate per essere ingannevoli.

Gli scienziati dell’Università di Berkeley, Washington e Chicago hanno selezionato un database di 7.500 immagini a rischio, dove la precisione degli algoritmi scende pericolosamente al 90%. Normali immagini che l’occhio umano non faticherebbe a identificare. Ora non possiamo incolpare le intelligenze artificiali per le loro difficoltà, d’altronde seguono istruzioni date dai programmatori e la loro colpa è la nostra.

Insomma, il lavoro da fare è ancora tanto ma in un futuro non troppo lontano la nostra superiorità è destinata a finire.