Alcuni smartphone Android non hanno il LED di notifica. Questo è, ad esempio, il caso degli ultimi Galaxy S10. Si tratta di un componente a molti essenziale per scoprire in anticipo la natura di un messaggio. La riduzione delle cornici e dello spessore sta via via eliminando tale componente a favore della meno sobria suoneria e di altri metodi di notifica.

Attraverso un nuovo trucco è possibile non solo riavere la tanto agognata spia di segnalazione per le notifiche delle app. Possiamo anche personalizzare il LED in ogni sua parte. Per farlo ci serviamo di una app chiamata NotifyBuddy. Una soluzione creativa per tutti coloro che non vogliono rinunciare alla discrezione ed alla versatilità di questo importante componente. Ce ne parla il forum di XDA Developer.

 

Come avere il LED di notifica Android su smartphone AMOLED

I dispositivi con display AMOLED possono godere del vantaggio del LED di notifica anche se non previsto dal costruttore. Simulare la presenza di questa opzione è facile usando l’app precedentemente indicata. Si scarica dalla pagina ufficiale del Play Store. Resta il miglior modo per ottenere le funzioni.

Una volta scaricata ed installata basta concedere il permesso di lettura per le notifiche ed in un attimo avremo il nostro primo LED virtuale di notifica. Possiamo scegliere un colore di nostra preferenza per ogni applicazione da associare. Un colpo d’occhio e capiremo subito di quale notifica si tratta.

Tutto perfettamente custom e personale ma c’è un’avvertenza. Per funzionare ha bisogno che Ambient Display ed Always On siano disattivati. Difatti, tale piattaforma non può convivere con tali modalità per via dei permessi. Per funzionare ha bisogno almeno di Android 8.0 Oreo o versione successiva.

L’app si scarica GRATIS e si utilizza senza limiti o acquisti in-app. Molti utenti passati ai recenti top di gamma la stanno già usando. Tu l’hai provata? Lasciamo spazio a tutti i tuoi commenti.