L’annuncio dell’arrivo ufficiale delle reti 5G ha creato allarmismo ovunque. Molti si sono chiesti se queste reti di nuova generazione siano innovative tanto quanto cancerogene. La notizia si è diffusa e ora siamo tutti genuinamente preoccupati che la rete 5G possa avere ripercussioni sulla salute. Tuttavia, il Governo italiano ha smentito queste fake news.

In particolare, è stata Mirella Liuzzi, deputata del Movimento 5 Stelle, ad aver lanciato l’allarme, sbilanciandosi tramite un video per spiegare che tutte queste teorie che circolano sul web sono in realtà teorie puramente complottistiche, poiché trattasi solo di disinformazione secondo la deputata. In particolare, in questo video postato, Mirella Liuzzi cerca di dare delle risposte proprio in merito ai tipici dubbi che si hanno sulle reti 5G. Nello specifico, si sofferma sul collegamento salute-5G. Online, molti hanno espresso il proprio disappunto, nella convinzione che il 5G possa scatenare dei tumori.

Il 5G non è dannoso per la salute, sono tutte fake news e il Governo ha deciso di dire la sua

Per Liuzzi, non si corre alcun pericolo, anzi, il 5G è sicura oltre che essere una tecnologia davvero incredibile, con delle potenzialità smisurate. Queste nuove reti, infatti, miglioreranno i trasporti, l’ambito medico, e tanti altri campi con cui siamo a contatto nella nostra vita. Anche l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha detto la sua sulle reti 5G. Stando alle dichiarazioni ufficiali, gli effetti dannosi non sono inesistenti ma al contempo non sono nemmeno necessariamente presenti.

Leggi anche:  Huawei oltre il 5G, il CEO conferma di star lavorando al 6G

Infatti, dovremmo esporci 19 ore al giorno con un campo elettromagnetico di 50 volt al metro per subire dei danni tangibili. L’Italia è tra i Paesi fortunatamente con i valori dei rispettivi campi elettromagnetici tra i più bassi al mondo, ossia di 6 volt al metro. Trattasi dunque di un valore nettamente inferiore rispetto a quello ritenuta scientificamente dannoso per l’insorgenza di tumori.