Whatsapp truffa immagine profiloWhatsapp è croce e delizia di noi internauti dei sistemi di messaggistica istantanea. Nonostante i problemi degli ultimi update che hanno spinto molti utenti a passare ai nuovi SMS 2.0 è proprio l’app verde ad avere la meglio in quanto a numero di utenti. Prima in assoluto su Google Play e nell’App Store. Dura a morire nonostante Telegram e Facebook Messenger siano sempre dietro l’angolo con nuovi aggiornamenti.

Un aspetto su cui l’app pecca ormai da tempo è senza dubbio la sicurezza, per la quale si renderebbe necessario un opportuno intervento di modifica. Spopolano le truffe, ora limitate solo dal numero di messaggi massimi che è possibile inviare verso chat e gruppi. Le cosiddette catene di Sant’Antonio hanno ridotto la loro azione ma resta un altro problema da risolvere. C’è una nuova truffa e riguarda l’uso dell’immagine del profilo.

 

Immagine del profilo Whatsapp pericolosa: attenti ai falsi amici

L’applicazione di messaggistica più famosa al mondo è soggetto all’influsso positivo degli esperti sviluppatori Facebook che ne curano ogni aspetto. Sul piano della security nasce però un problema importante per l’immagine del profilo. Come sappiamo, fino all’arrivo di un nuovo update correttivo, è sempre possibile scaricare in galleria l’immagine personale dei contatti che decidono di rendere pubblico il proprio profilo agli amici.

Leggi anche:  Whatsapp: addio spunte blu con il metodo per diventare invisibili agli amici

Con in mano le nostre informazioni e l’immagine personale è facile creare un account falso che sfrutta la nostra identità completa. Si scarica la foto, si personalizza la descrizione e lo Stato ed il gioco è fatto. Ecco bello e pronto un account fake da poter usare per scopi illeciti.

Una delle truffa più in voga del periodo è la ricarica Postepay. Usando un pretesto si richiede un accredito di emergenza sul conto. Il raggiro riesce alla perfezione perché tutto fa pensare di essere proprio in presenza dell’amico bisognoso. Non bisogna cadere nel tranello. Per restare fuori da questo circolo vizioso è opportuno verificare la corrispondenza account – numero confrontando il recapito telefonico salvato in rubrica con il contatto Whatsapp che sta facendo questa richiesta.