huawei-vodafone-backdoor700x400

Una settimana è il lasso di tempo appena trascorso dall’aggiunta di Huawei nell’Entity List statunitente ed un nuovo rapporto afferma un’altro grande cambiamento in atto nei confronti dell’azienda. Reuters  e molte altre testate giornalistiche hanno affermato che Google ha cessato ogni tipo di partnership con Huawei rendendo assodato che i prossimi terminali dell’azienda non avranno accesso ai servizi Google e al Play Store.

Huawei isolata: ecco i possibili risvolti della vicenda e il blocco agli aggiornamenti

Secondo quanto diffusosi nelle ultime ore, Google avrebbe smesso di fornire a Huawei sia i prodotti hardware che software, eccezion fatta per quelli coperti dalle licenze open source. Cosa significa? Essenzialmente che Huawei potrà continuare ad utilizzare Android come sistema operativo, ma tutte le applicazioni di Mountain View verranno escluse da queste, incluso il Google Play Store. 

Un problema non da poco visto che tale provvedimento potrebbe impedire all’azienda orientale di non aggiornare più i precedenti smartphone messi in vendita. Questo poiché gli aggiornamenti non possono essere ricertificati senza l’accesso al Play Store. A tal proposito l’azienda si è espressa affermando che stanno cercando di trovare la miglior situazione possibile e che i loro utenti non verranno lasciati soli. Nonostante ciò, però, la situazione rimane comunque molto articolata.

Leggi anche:  Android impazzisce: Google offre sul Play Store 8 app gratis

I dettagli in merito sono ancora riservati, ma come possiamo ben immaginare, tale notizia rappresenta un duro colpo per Huawei e per il suo business. A tal proposito la società potrebbe iniziare a interagire con diverse aziende rispetto Google, ma sappiamo bene che l’accesso al Play Store è un grosso vantaggio per ogni compagnia. Con tale ripercussione anche ogni tipo di operazione richiedente il Play Services Framework closed-source verrebbe escluso irreparabilmente.