TIM e Vodafone: la soluzione per far fuori Iliad consiste in tre nuove promo

TIM e Vodafone vanno avanti insieme nello sviluppo della rete 5G e nel potenziamento di quella esistente. Visti i tempi ormai maturi della connessione di quinta generazione, è probabile supporre (o auspicare) un prossimo lancio commerciale del 5G. Vodafone si è già sbilanciata nell’indicare l’estate come la stagione giusta, mentre TIM non ha commentato nulla in merito.

La stagione estiva sarà comunque teatro della ratifica ufficiale dell’accordo tra i due operatori, come specificato dall’Ad di TIM Luigi Gubitosi durante un intervento avuto luogo a Matera, una delle capitali del 5G italiano.

Secondo Gubitosi, questa condivisione di saperi e tecnologie svilupperà più velocemente il 5G e “ci permetterà di andare ancora più veloci” dato che “la copertura dell’intero Paese verrà fatta molto più velocemente rispetto a doverla realizzare con un approccio separato”.

 

TIM e Vodafone si uniscono, ma Iliad chiama in causa l’Antitrust

È proprio notizia recente che Iliad ha chiamato in causa AGCOM e l’Antitrust per vederci chiaro sull’unione d’intenti di TIM e Vodafone. Secondo quanto riferisce Il Sole 24 Ore, il quarto operatore nel mercato della telefonia mobile italiana chiede di monitorare gli effetti dell’accordo sulla concorrenza.

Leggi anche:  Iliad, non solo 5G: il gestore pensa ad un nuovo servizio per i clienti

Con questo accordo, secondo Iliad, i due gestori avrebbero una condizione di vantaggio rispetto ai concorrenti. E forse l’operatore francese non ha tutti i torti. D’altronde le sinergie tra operatori andranno a ridurre sicuramente i tempi per lo sviluppo della nuova rete 5G.

E mentre Vodafone attacca Iliad a margine dei loro risultati finanziari, Non si è fatta attendere la risposta dell’AD di TIM Luigi Gubitosi, le cui parole sono state riportate dall’agenzia Reuters, il quale specifica che la sua azienda non taglia fuori nessuno dalla corsa al 5G:

L’architettura dell’accordo è aperta e ci farebbe piacere se anche altri operatori potessero partecipare”, ha detto Gubitosi a margine di un convegno. “Il 5G è costato moltissimo, il che è un bene per le casse dello Stato, un po’ meno evidentemente per chi lo ha pagato, quindi diventa importante condividere dei costi”.

Se Iliad vorrà essere della partita con noi ci farà molto piacere”, ha aggiunto. “Ci vedremo con Iliad come ci vediamo con tutti gli operatori abitualmente, e ci auguriamo di trovare dei punti di convergenza”.