huawei-tv-8k-5g

Arrivano grandi novità per i device Huawei e di conseguenza anche Honor. Grazie al lavoro di un modder, è possibile registrare nativamente le chiamate senza dover per forza ottenere i permessi di root sullo smartphone.

Molti utenti Huawei/Honor cercavano da tempo una soluzione simile. Registrare una conversazione può essere necessario sopratutto in ambito lavorativo, per poter ascoltare dettagli che si sono persi durante la chiamata. Google ha intenzione di aggiungere questa feature al codice Android con le prossime release, ma fino ad oggi l’unica soluzione era effettuare il root al dispositivo.

Grazie al lavoro svolto dal modder Zimperium, registrare una chiamata non è mai stato così facile. Lo sviluppatore ha realizzato un semplice file apk da installare sul device, non è richiesto nessuno sforzo agli utenti se non quello del download. Una volta terminato il processo di installazione, basterà riavviare il dispositivo per abilitare la funzionalità. L’unico requisito necessario per attivare la feature è quello di avere un device Huawei o Honor con la EMUI aggiornata almeno alla versione 9.

Leggi anche:  Huawei pubblica il White Paper su Intelligenza Artificiale e Privacy

Per attivare la registrazione, basterà effettuare una chiamata e cliccare sul relativo tasto che comparirà nel dialer. La funzione di registrazione va a sostituire il calendario tra le scorciatoie presenti in fase di chiamata. I file audio puoi sono salvati all’interno della memoria del dispositivo e sarà possibile accedere direttamente per riascoltarli.

Per effettuare il download del pacchetto di installazione è possibile visitare questa pagina. Ricordiamo che la feature è presente al momento solo su Huawei P30 Pro che equipaggia la EMUI 9.1. Molto probabilmente tutti i device che riceveranno l’aggiornamento potranno contare ufficialmente sulla registrazione.