Elon Musk ha rivelato che la sua startup di Neuralink è vicina ad annunciare la prima interfaccia cervello-macchina per connettere umani e computer.

Neuralink è stata fondata nel 2016 con l’ambizioso obiettivo di sviluppare hardware per migliorare il cervello umano. Tuttavia, non si sa molto a riguardo. Il sito Web della startup descrive la tecnologia futuristica come una connessione “a banda ultra-elevata” tra cervello umano e computer. L’onorevole Musk ha spesso affermato che la rapida ascesa dell’intelligenza artificiale riflette un rischio esistenziale. Una tale interfaccia, dichiara, è essenziale se gli esseri umani devono competere con tale tecnologia in futuro.

La startup Neuralink ha rilasciato alcune dichiarazioni sulle nuove interfacce che collegano la nostra mente all’Intelligenza Artificiale

Durante una conferenza nel 2016, Musk ha affermato che gli esseri umani rischiano di essere trattati come animali domestici dall’intelligenza artificiale senza la loro interfaccia. Dunque Neuralink consentirebbe agli esseri umani di fondersi in modo efficace con l’intelligenza artificiale. Un articolo pubblicato su Nature Nanotechnology nel 2015 ha infatti descritto come un circuito flessibile potrebbe essere iniettato in un cervello.

Leggi anche:  Vulcani più pericolosi dei meteoriti, potrebbero eliminare l'uomo

“Stiamo cercando di offuscare la distinzione tra circuiti elettronici e circuiti neurali“, ha dichiarato Charles Lieber, ricercatore di Harvard, co-autore dello studio. “Dobbiamo camminare prima di poter correre, ma pensiamo di poter davvero rivoluzionare la nostra capacità di interfacciarsi con il cervello”. Nonostante i buoni propositi, gli esperti pensano che un’intelligenza artificiale potrebbe dirottare le interfacce cervello-computer. Un tale scenario potrebbe portare all’IA che controlla i pensieri, le decisioni e le emozioni di una persona. “I possibili benefici clinici e sociali delle neurotecnologie sono vasti. Per coglierli, dobbiamo guidare il loro sviluppo per rispettare, proteggere e consentire ciò che è meglio”.