miglior-operatore-italiano

Tim, Wind Tre, Vodafone e Iliad si fanno ormai una concorrenza agguerrita, rendendo la scelta sempre più difficile per il cliente finale. L’analisi della copertura e della qualità della rete sono senz’altro un fattore primario nella scelta di un nuovo operatore, ma non gli unici. Sempre più spesso infatti l’utente è tentato dalla tariffa più vantaggiosa anche a scapito della qualità del servizio.

Per dare un valore tangibile alla portata del segnale ed alla velocità media di connessione dei singoli operatori conviene affidarci a OpenSignal, ma ne esistono anche tanti altri. Da questa analisi ne esce che Vodafone e Tim combattono testa a testa per il primo posto sul territorio nazionale.

Parlando di numeri, Vodafone offre una percentuale di copertura intorno all’82% e Tim poco sotto l’80% (78%). La rete più veloce è senz’altro quella dell’operatore inglese, specialmente in 4G/4.5G.

Miglior operatore del 2019. E’ ancora Vodafone?

Anche se il divario di copertura resta ancora considerevole in termini di copertura di rete, Wind Tre ha accorciato le distanze con la velocità. Nei primi test del 4.5G infatti la velocità media di Vodafone è stata superata. L’operatore rosso perde quindi il suo primo posto in velocità. Bisognerà però vedere se Wind Tre riuscirà ad estendere questo risultato a tutto il territorio nazionale.

Leggi anche:  Migliore operatore 2019: chi scegliere tra TIM, Vodafone, Wind Tre ed Iliad

Ultimo posto per Iliad con evidenti i problemi di copertura, come testimonia il suo 66,73%, in attesa della sua rete proprietaria. Tuttavia l’ultimo operatore italiano si è garantito ugualmente un ampia fetta della popolazione rimanendo al primo posto a livello di convenienza.

Questo 2019 è solo all’inizio e si preannuncia ricco di novità. Allo stato attuale al primo posto rimane ancora Vodafone, ma l’avvento del 5G, con i suoi investimenti condivisi tra le varie aziende potrebbe ribaltare le cose. Le aziende stanno infatti facendo fronte comune per diminuire i costi e condividere il loro know-how.

Dalle partnership che nasceranno non potremo che giovarne noi consumatori, nell’immediato anche con un miglioramento della qualità del nostro 4G.