Nelle ultime ore, molti utenti hanno segnalato di aver ricevuto su WhatsApp un messaggio che avverte dell’entrata in vigore del nuovo codice della strada, illustrando le pene previste per chi utilizzerà lo smartphone mentre è alla guida di un veicolo. Il messaggio, diventato virale in poco tempo e come testimoniato dai ragazzi di bufale.net (un portale specializzato nello scoprire le notizie false pubblicate sui social) altro non è che una bufala diffusa per generare panico e allarmismo.

WhatsApp: nuovo codice della strada, attenzione alla nuova bufala

Accade sempre più spesso che ci si imbatta in truffe e messaggi fake su WhatsApp. Del resto, stiamo comunque parlando di una delle applicazioni di messaggistica istantanea più utilizzate al mondo, pertanto risulta molto semplice intuire quanto possa facilmente e velocemente propagarsi una notizia qui diffusa, vera o falsa che sia.

Quella diffusa nelle ultime ore, tuttavia, sarebbe una bufala sul nuovo codice della strada in realtà mai entrato in vigore. Ecco il messaggio:

Facciamo attenzione. A partire dal prossimo martedì (ieri) entrerà in vigore il nuovo codice della strada. Oggi è stato approvato l’articolo più pesante, ed è giusto così: chiunque verrà sorpreso alla guida del veicolo, anche se fermo ai semafori o agli stop, con lo smartphone o altri dispositivi andrà incontro alla seguente sanzione: “ritiro immediato della patente” e una “multa da 180 euro fino a 680 euro”. Per questo motivo, stiamo tutti molto attenti, organizziamoci con i viva-voce e se indossiamo gli auricolari ricordiamoci che un orecchio deve restare libero. Il fatto di avere il telefono in mano e parlare attraverso il viva-voce dello stesso, comporta ugualmente la sanzione. A questa si aggiungerà la sanzione guida con una mano da 161 euro e sottrazione di 5 punti… Fai girare a manetta!

Leggi anche:  WhatsApp, il trucco nascosto per chattare con chi ci ha bloccato

Per quanto il messaggio possa essere utile e credibile, occorre comunque tener presente che per il momento non è stata approvata alcuna legge, e in Parlamento si sta ancora discutendo una nuova legge che prevederà sanzioni più severe per chi utilizza lo smartphone alla guida.