Apple-Watch-serie-4-ecg-cuore-battito
Un ampio studio sponsorizzato da Apple ha rivelato che l’Apple Watch può rilevare un battito cardiaco irregolare. 400.000 utenti di Apple Watch sono stati invitati a prendere parte allo studio. I risultati sono stati presentati oggi a New Orleans in una riunione dell’American College of Cardiology.

2.000 partecipanti, o lo 0,5% di quelli che indossano lo smartwatch, hanno ricevuto una notifica di un battito irregolare. Essi hanno inviato una patch per il loro Apple Watch che includeva un sensore per elettrocardiogramma (ECG) per aiutare a rilevare la fibrillazione atriale (AFib).

Apple ha introdotto il sensore ECG in Apple Watch 4

L’AFib, che è un battito cardiaco irregolare, può causare ictus, coaguli di sangue, insufficienza cardiaca e altri problemi gravi. AFib contribuisce a 130.000 morti all’anno negli Stati Uniti. La serie Apple Watch 4 include già un monitor ECG, ma lo studio è stato completato prima che questa nuova variante dello smartwhatch venisse rilasciata.

Il 57% dei possessori di Apple Watch che hanno partecipato allo studio ha cercato aiuto medico quando ha ricevuto un avvertimento su un battito irregolare. Questo numero potrebbe sorprendere i consumatori, poiché significa che il 43% dei portatori di Apple Watch ha ignorato l’avviso. Il Dr. Mitesh Patel, un assistente professore di medicina presso la Perelman School of Medicine, ha osservato che mentre il wearable è in grado di rilevare i segnali di allarme di malattie cardiache, il device deve essere combinato con qualcosa che motiverà gli utenti ad agire su questi avvertimenti.

Leggi anche:  Apple, gli occhiali per la realtà aumentata arriveranno nel 2020

Quando un possessore di Apple Watch riceve una notifica di battito cardiaco irregolare, la notifica chiede al partecipante di fissare un appuntamento con uno dei medici associati allo studio. A quel punto, il sensore ECG è stato inviato a coloro che ricevevano la notifica ed è stato usato per registrare il ritmo del loro cuore per una settimana.

“La fibrillazione atriale è solo l’inizio, poiché questo studio apre la porta a ulteriori ricerche sulle tecnologie indossabili e su come potrebbero essere utilizzate per prevenire la malattia prima che colpisca.” – Lloyd Minor, decano, Stanford School of Medicine